Astronomia: costellazioni e pianeti, cosa osservare nel cielo di marzo

Astronomia: costellazioni e pianeti, cosa osservare nel cielo di marzo

Fonte immagine: Pixabay

Con la primavera si è incentivati a stare all'aperto: ecco cosa osservare durante le notti di marzo.

Marzo è favorevole per chi ama stare all’aria aperta e a contatto con la natura e il cielo notturno. In questo mese si allungano le giornate, scatta l’equinozio (il 20 del mese) e prende il via la primavera.

La bella notizia per gli appassionati di astronomia è che di pari passo con le giornate più miti, anche le notti dovrebbero diventare meno rigide. Un clima che incentiva l’osservazione all’aperto, adatto a chi ama sentirsi un pioniere nella notte. Vediamo quindi gli appuntamenti da non perdere con il cielo di marzo.

Pur essendo meno “ricco” il menù delle costellazioni visibili in questo periodo rispetto a quello invernale, dove risultano più lucenti, il cielo offre sempre spettacolo. Come di consueto sarà la costellazione del Leone ad “annunciare” l’arrivo della primavera. Per scorgerla basterà guardare verso sud e identificare Regolo, la stella con la magnitudine maggiore della costellazione (è la ventunesima stella più brillante della notte terrestre, dista 79 anni luce).

Per quanto riguarda l’osservazione del Sistema Solare, risultano ancora visibili Venere, Giove, Saturno, Marte e Mercurio. Venere, si riesce a scorgere al mattino presto. Giove e Saturno diventano invece sempre più visibili al passare delle ore notturne. Mercurio scomparirà velocemente subito dopo il tramonto, un po’ più di tempo risulterà visibile Marte.

Primavera e “deep sky”: il catalogo Messier

Se in possesso di telescopio o di binocoli adatti si potranno osservare oggetti fuori dalla nostra galassia, nel “deep sky” (spazio profondo). La primavera è favorevole per chi intende tentare quella che viene definita “maratona Messier“.

Il “catalogo Messier” è stato il primo catalogo astronomico di oggetti celesti diversi dalle stelle. Fu compilato dall’astronomo francese Charles Messier, e racchiude al suo interno 101 oggetti celesti tra cui galassie, ammassi stellari e nebulose, oggetti tutti visibili in questo periodo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Uber JUMP: come noleggiare le biciclette elettriche