Ascelle e cattivo odore, colpa del batterio Bo

Ascelle e cattivo odore, colpa del batterio Bo

Fonte immagine: Istock

Il batterio Bo si nasconde nelle ascelle è capace di trasformare una molecola inodore in un composto che puzza moltissimo.

Stress, pulizia, ansia? No, la colpa della puzza delle ascelle dipende solo dal Batterio Bo. I ricercatori dell’Università di York hanno scoperto  che questo particolare enzima vive sotto le nostre braccia e all’occorrenza è capace di trasformare una molecola inodore in un composto dall’odore sgradevole. La ricerca è appena stata pubblicata su Scientific Report.

L’aspetto straordinario è che il batterio Bo è in grado di sopravvivere all’ambiente delle ascelle dove, consumando il composto inodore (Cys-Gly-3M3SH) rilasciato dalle ghiandole sudoripare, lo trasforma in un sottoprodotto tioacolico, il vero responsabile dell’odore sgradevole che poi diventa manifesto.

L’odore, comunque, può essere controllato attraverso una sana beauty routine composta da prodotti naturali. Lavarsi frequentemente e applicare un buon deodorante è una soluzione consigliata per prevenire l’insorgere di spiacevoli situazioni legate al cattivo odore. Se la problematica dovesse essere troppo invasiva, il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad uno specialista.

I ricercatori hanno dichiarato:

«Trovare questo enzima Bo ci ha permesso di ricostruire il meccanismo all’interno di alcuni batteri che produce le molecole dell’odore. Questo è un progresso chiave per comprendere come funziona l’odore corporeo e consentirà lo sviluppo di inibitori mirati che blocchino all’origine la produzione dell’enzima Bo, lasciando intatto il microbioma delle ascelle»

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: decima lezione