Artico, esperto russo: permafrost rischia di sparire entro 10 anni

Artico, esperto russo: permafrost rischia di sparire entro 10 anni

Fonte immagine: Foto di Pexels da Pixabay

Il permafrost dell'Artico potrebbe sparire entro 10 anni secondo un esperto russo, la colpa è dei cambiamenti climatici.

L’Artico è più che mai a rischio e il permafrost potrebbe sparire entro 10 anni. Questo il poco confortante bilancio tratto dall’esperto russo Serghei Zimov, tra i massimi esperti del settore, secondo il quale il riscaldamento globale ha portato allo scioglimento di quei terreni permanentemente ghiacciati (definiti appunto “permafrost”) con un anticipo sulle stime precedenti di circa 100 anni.

Da qui deriverebbe l’allarme lanciato da Zimov, secondo il quale in appena un decennio il permafrost artico potrebbe diventare soltanto un ricordo. Come ha dichiarato l’esperto artico russo:

La situazione è critica, abbiamo passato la soglia di stabilità: negli ultimi due anni il permafrost ha iniziato a sciogliersi ovunque nella nostra regione.

Lo stesso Zimov è il fondatore del Parco del Pleistocene. Un esperimento unico avviato nel 1996 e il cui obiettivo è quello di rallentare gli effetti dei cambiamenti climatici ricreando l’ecosistema della steppa presente ai tempi dei mammut: per ottenere questo traguardo si stanno introducendo nell’Artico dei grandi erbivori. Grazie alla geo-ingegneria si cercherà di ridurre il ritmo di scioglimento del permafrost e i livelli di gas serra in atmosfera.

La minaccia per il clima mondiale è grave e richiede la massima attenzione, sottolinea in chiusura Zimov, a maggior ragione in virtù dei gas a effetto serra che verrebbero rilasciati in seguito allo scioglimento del permafrost presente in Yacutia (Jacuzia):

Il nostro permafrost non solo è ricco di CO2, ma di metano, che è un gas serra 25 volte più potente dell’anidride carbonica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Le voci degli scienziati sul riscaldamento globale