• GreenStyle
  • Salute
  • Aria viziata in ufficio riduce funzioni cognitive e produttività

Aria viziata in ufficio riduce funzioni cognitive e produttività

Aria viziata in ufficio riduce funzioni cognitive e produttività

Aria viziata nociva per il rendimento e le funzioni cognitive dei lavoratori secondo uno studio condotto negli USA.

L’aria viziata in ufficio può ridurre le funzioni cognitive riducendo prestazioni e produttività. A sostenerlo i risultati di uno studio congiunto che ha visto impegnati i ricercatori delle università di Harvard e Syracuse, pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives.

La responsabile per i “danni” sarebbe in questo caso la concentrazione di CO2 nell’aria, come spiegano i ricercatori statunitensi, al cui aumentare corrisponderebbe un progressivo ridursi della funzioni cognitive di chi è esposto. Il limite generalmente indicato come “non dannoso” è di 5 mila ppm (parti per milione), proseguono gli esperti, malgrado per legge non si possano superare soglie comprese tra 1000 e 1500 ppm.

Anche i limiti di legge risulterebbero però superiori alla soglia individuata dai ricercatori statunitensi come non lesiva delle funzioni cognitive. A dimostrarlo i test condotti su 24 volontari, le cui prestazioni sono state valutate esponendoli a tre differenti livelli di CO2: 550, 945 e 1.400 ppm.

Rispetto a coloro che erano stati valutati durante l’esposizione a 550 ppm, chi aveva svolto le prove a 945 ppm mostrava risultati del 15% inferiori. Percentuale che arrivava fino al 50% nei soggetti esposti a 1.400 ppm. Maggiormente colpite, concludono i ricercatori:

Le abilità di usare le informazioni, di rispondere alle crisi e di elaborare strategie.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio