Apple: pannelli solari per i suoi datacenter

Apple: pannelli solari per i suoi datacenter

Apple punta sul fotovoltaico: costruirà un impianto ad energia solare destinata ad alimentare il suo datacenter nel North Carolina

Apple ha annunciato la realizzazione una farm ad energia solare nelle vicinanze del suo data center di Maiden, nel North Carolina. L’azienda di Cupertino ha già avviato i lavori, partendo dalla modellazione del terreno necessaria per risolvere il problema della pendenza di una parte dell’area in cui sorgerà la nuova struttura.

Si tratta di quello che è stato chiamato “Dolphin Project Solar“, un progetto fondato sull’energia solare che vede impegnati circa 171 ettari dai quali, grazie all’installazione dei pannelli fotovoltaici, la casa della Mela prevede di ricavare l’energia necessaria ad alimentare il vicino iDataCenter, lo stesso che dovrebbe ospitare i servizi cloud.

Il progetto fotovoltaico di Apple costerà qualcosa come 1 miliardo di dollari, presentandosi quindi come un consideravole investimento per l’azienda della Mela, la quale in passato aveva sì realizzato parchi solari nei pressi del suo data center, ma di dimensioni notevolmente più contenute della struttura attualmente in costruzione. Quest’ultima dovrebbe essere in grado di coprire buona parte del fabbisogno energetico del centro dati senza ricorrere a energia ottenuta da fonti inquinanti.

L’iniziativa, che non ha mancato di suscitare le proteste dei residenti a causa dell’enorme superficie occupata dalla farm, consentirà ad Apple di guadagnare qualche punticino per quanto riguarda la sua immagine “green”.

Al tempo stesso, la novità porterà l’azienda di Cupertino a seguire l’esempio di altri gruppi del settore, tra questi Google, che già in passato oltre ad aver pianificato ingenti investimenti, hanno presentato dei progetti volti all’utilizzo di energia pulita e rinnovabile per rispondere al fabbisogno energetico indispensabile alle loro attività.

.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Valerio Natalizia – SMA