Animali, guardarli migliora la salute

Animali, guardarli migliora la salute

Fonte immagine: Unsplash

Guardare animali migliora le condizioni di salute: è quanto emerge da un nuovo studio, effetti positivi sia a livello cardiaco che per ansia e stress.

Gli animali contribuiscono al miglioramento delle condizioni di salute. È questo quello che emerge da un nuovo studio, condotto dall’Università di Leeds in collaborazione con Western Australia Tourism. È infatti sufficiente guardare animali per incrementare dei parametri vitali essenziali per il benessere, riducendo contemporaneamente ansia e depressione.

Lo studio riprende altre ricerche analoghe condotte in precedenza, relative al trend in crescita dei video di animali sulle piattaforme social. Così i ricercatori hanno voluto vagliare se la semplice esposizione ai più vari esemplari, anche mediata dallo schermo, potesse effettivamente avere conseguenze positive sulla salute.

Animali: i video aiutano

La ricerca è partita nel dicembre del 2019 e ha coinvolto un campione di 19 persone, suddiviso in 15 studenti universitari e 4 membri dello staff. Il periodo prescelto non è casuale. Proprio a dicembre i giovani sono sottoposti alla sessione invernale degli esami e, per questo, sono sottoposti a enorme stress.

I partecipanti sono stati sottoposti alla visione di 30 minuti di video di animali, come cani e gatti, ogni giorno. Contestualmente, sono stati misurati i loro parametri vitali prima, durante e dopo l’esperimento. Dai dati è emerso che la visione di questi filmati porti la pressione sanguigna a una diminuzione – da 136/88 di media a 115/71 – mentre la frequenza cardiaca si abbassa del 6.5%, attorno ai 67.4 bpm.

Non è però tutto: i livelli di stress e di ansia scendono del 35%, in base alle scale di misura internazionali adottare dai maggiori istituti di psicologia e psichiatria mondiali. Andrea Utley, docente dell’Università di Leeds e a capo dello studio, ha spiegato:

C’erano gattini, cagnolini e anche cuccioli di gorilla. C’erano dei quokka. […] Siamo rimasti piacevolmente sorpresi nello scoprire che, durante la sessione, ogni singolo partecipante abbia visto la riduzione di alcuni parametri, come la frequenza e la pressione sanguigna. Al termine, è stato loro proposto un questionario che ha dimostrato una riduzione anche dell’ansia.

Lo studio ha evidenziato come i video siano più efficaci delle immagini. Ulteriori test verranno condotti in futuro, al termine della pandemia da COVID-19, quando si potranno riunire più partecipanti in grandi gruppi.

Fonte: CNN

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese