• GreenStyle
  • Pets
  • Animali in gabbia: a 1.5 milioni di firme la petizione per lo stop

Animali in gabbia: a 1.5 milioni di firme la petizione per lo stop

Animali in gabbia: a 1.5 milioni di firme la petizione per lo stop

Fonte immagine: Pexels

La petizione europea per chiedere il divieto di allevare animali in gabbia ha raggiunto 1,5 milioni di firme: la Commissione Europea dovrà ora intervenire.

La petizione “End the Cage Age”, organizzata da 170 associazioni animaliste per richiedere lo stop all’allevamento di animali in gabbia, ha raggiunto un importante traguardo: quello di 1.5 milioni di firme. Un obiettivo realizzato sul campo, necessario affinché la Commissione Europea prenda in considerazione l’argomento, tratteggiando la strada da seguire per un intervento risolutivo.

La raccolta si è chiusa questa settimana e il conteggio finale ha confermato la presenza di ben 1.5 milioni di firme, raccolte tra i cittadini di tutti i Paesi del Vecchio Continente. Si tratta di un vero e proprio successo, quello ottenuto da questa campagna, poiché l’obiettivo era ambizioso: raccogliere almeno un milione di firme nel corso di un anno, per richiedere alla Commissione Europea di considerare un intervento di divieto per l’allevamento degli animali in gabbia.

Così come spiega il Corriere della Sera, le associazioni hanno fatto ricorso allo strumento dell’ICE – “Iniziativa dei Cittadini Europei” – che permette di sottoporre una questione ai rappresentanti della Commissione Europea, tramite la raccolta di almeno un milione di firme. La stessa Commissione non è vincolata alla realizzazione delle richieste dei cittadini, mantiene quindi discrezionalità, ma grazie all’ICE dovrà incontrarne i rappresentanti e fornire una risposta motivata, sia in caso che di approvazione che di rifiuto.

All’iniziativa hanno partecipato anche 20 associazione italiane, tra cui Animal Law, Animal Aid, Animal Equality, Ciwf Italia, Lega nazionale per la difesa del Cane, Legambiente, Amici della Terra, Fatto Alimentare, Terra Nuova, Slow Food, Confconsumatori, Lega per l’abolizione della Caccia, Jane Goodall Institute, Terra! Onlus, Animalisti Italiani, Enpa, Lav, Partito animalista, Leidaa, Oipa e Lumen. Sullo Stivale sono stati circa 95.000 i firmatari, dato però non ancora completo poiché il conteggio del cartaceo sarebbe ancora in corso.

Dai dati raccolti a livello europeo, sono all’incirca 300 milioni gli animali che vengono tutt’oggi allevati in gabbia, con gravi danni per la loro salute fisica e psicologica, data l’impossibilità di approfittare di spazi sufficienti in cui muoversi, di socializzare con gli altri rappresentanti della propria specie o, semplicemente, di godere di qualche ora all’aria aperta.

Fonte: Corriere della Sera

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il parto in diretta di una rara giraffa di Rothschild