Anche l’ornitorinco rischia l’estinzione

Anche l’ornitorinco rischia l’estinzione

Fonte immagine: Phototrip via iStock

L'ornitorinco potrebbe essere prossimo all'estinzione, a causa delle modifiche degli habitat, della siccità e degli incendi in Australia.

L’ornitorinco, il simpatico animale australiano dal muso che ricorda il becco di una papera, potrebbe essere presto in via di estinzione. È quanto si apprende da un nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Biological Conservation, pronto ad analizzare lo stato di conservazione di questa specie: i sempre più pressanti cambiamenti climatici, uniti ai recenti incendi proprio in Australia, ne stanno riducendo le chance di sopravvivenza.

Lo studio è stato condotto dall’Università del Nuovo Galles del Sud, allo scopo di esaminare l’impatto sulla popolazione di ornitorinco di diversi fattori, molti dei quali causati dall’uomo. Fra questi una riduzione delle risorse idriche a loro disposizione, la modifica del corso dei fiumi data la costruzione di dighe, la conversione degli habitat naturali in aree coltivate, l’importazione sul territorio di specie invasive, i cambiamenti del clima, la siccità e gli incendi.

Secondo quanto emerso dall’analisi di questi dati, nei prossimi 50 anni si potrebbe assistere a un calo tra il 47 e il 66% nella popolazione di ornitorinco, portando all’estinzione di alcune comunità locali, a cui si aggiungerà una diminuzione a oltre il 40% rispetto agli esemplari attuali.

Poiché animale unico nel suo genere, e presente solo in Australia, saranno necessari degli interventi mirati per garantirne la sopravvivenza, così come spiega Gilad Bido del Centre for Ecosystem Science del sopracitato ateneo:

C’è un bisogno urgente di implementare degli sforzi di conservazione nazionali per questo unico mammifero, così come anche per altre specie, incrementando il monitoraggio, i trend, ridurre le minacce, nonché proteggere e migliorare la gestione degli habitat di acqua dolce.

L’ornitorinco è oggi identificato come “prossimo alla minaccia” nella classificazione dell’IUCN, ma potrebbe ben presto essere marcato come “Vulnerabile all’estinzione”.

Fonte: EcoWatch

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Mamma gorilla coccola il suo cucciolo!