Amianto, ministro dell’Ambiente Costa: serve soluzione definitiva

Amianto, ministro dell’Ambiente Costa: serve soluzione definitiva

Fonte immagine: Asbestos | Shutterstock

Discutendo dei dati sui rifiuti speciali, il neo Ministro dell'Ambiente Sergio Costa vuole porre definitivamente fine al problema amianto: ecco cos'ha detto.

Il neo ministro dell’Ambiente Sergio Costa vuole definitivamente porre fine alla questione amianto, un materiale ancora oggi presente in 370 mila strutture dislocate in tutta Italia secondo gli ultimi dati disponibili.

Intervenendo alla presentazione del Rapporto Rifiuti Speciali dell’Ispra, che ha appena avuto luogo a Montecitorio, Sergio Costa ha espresso una grande preoccupazione per l’impatto che l’amianto ha sul territorio e sulla sanità, dichiarando di non volerlo più vedere da nessuna parte:

L’amianto è una frontiera di cui l’Italia si deve preoccupare perché in questo momento ci fa zoppicare. A preoccuparci è la ricaduta sul territorio e quella sanitaria e dobbiamo proporre qualcosa che favorisca l’uscita da sistema amianto. Io l’amianto sulle strade, nelle campagne non lo voglio vedere più. Sarà banale, ma non è pensabile che l’Italia ancora si interroghi su come risolvere la situazione.

Uno studio di Legambiente aveva sottolineato che sul territorio nazionale sono ben 370 mila le strutture in cui è presente amianto, di cui oltre 20 mila sono siti industriali, più di 50 mila sono edifici pubblici e oltre 214 mila sono edifici privati.

Occorre dunque trovare una soluzione definitiva, come esplicato dal ministro dell’Ambiente, il quale ha inoltre sottolineato l’urgenza di:

Tracciare bene i rifiuti speciali e speciali pericolosi, non ci possiamo fermare. Il recupero degli pneumatici già va bene, oggi siamo al 73%, ma dobbiamo arrivare a 100%. Gradirei che il governo garantisse la tracciabilità trasparente degli pneumatici attraverso un codice.

Seguici anche sui canali social