Amiamo i cani per una questione di geni

Amiamo i cani per una questione di geni

Fonte immagine: Supersizer via iStock

La passione per i cani potrebbe essere iscritta nei geni: è quanto rivela uno studio condotto in Svezia, su un campione nutrito di gemelli.

L’amore dell’uomo nei confronti del cane, il più fedele tra gli amici a quattro zampe, potrebbe essere determinato anche dalla genetica. È quanto rivela un nuovo studio, condotto da alcuni scienziati svedesi dell’Università di Uppsala e pubblicato sulla rivista Scientific Reports. La passione per i quadrupedi scodinzolanti, infatti, potrebbe essere iscritta nei geni e addirittura trasmessa dai genitori ai figli.

Per verificare questa ipotesi, i ricercatori hanno analizzato ben 35.035 coppie di gemelli iscritte nello Swedish Twin Registry. Il ricorso ai gemelli, sia omozigoti che eterozigoti, si è rivelato fondamentale in questo studio: mentre i primi condividono l’intero patrimonio genetico, i secondi si attestano attorno alla metà dello stesso, un fatto che permette di studiare a fondo il ruolo dell’esposizione ambientale e dell’educazione sull’amore verso i cani.

Secondo quanto rinvenuto dalla ricerca, così come spiega il quotidiano Repubblica, quando un gemello decide di accudire un cane è molto probabile che anche il fratello segua la stessa strada. Considerando come questa inclinazione sia pressoché identica tra gemelli omozigoti ed eterozigoti, gli scienziati ritengono che esista un gene pronto a determinare una propensione per i quadrupedi, un gene iscritto in quella porzione del 50% di patrimonio genetico che qualsiasi gemello condivide. Ancora, proprio data l’elevata corrispondenza, i ricercatori sono convinti che questo gene possa trasmettersi da una generazione all’altra per via ereditaria.

Stando sempre agli esperti, la sola presenza genetica non sarebbe sufficiente nel confermare la passione per gli amici a quattro zampe: ci deve essere, infatti, anche una precisa esposizione ambientale, soprattutto durante l’infanzia. Per questa ragione, il gene non determina automaticamente l’accudimento di un cane, bensì una propensione a essere attirati da questo animale. Come facile intuire, ulteriori studi saranno necessari per comprendere come questo gene si esprime e quali sono i suoi precisi ruoli all’interno della relazione uomo-cane.

Fonte: Repubblica

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!