• GreenStyle
  • Salute
  • Alte temperature e umidità possono rallentare il Coronavirus

Alte temperature e umidità possono rallentare il Coronavirus

Alte temperature e umidità possono rallentare il Coronavirus

L'incremento delle temperature e del tasso di umidità contribuirà a rallentare la trasmissione del Coronavirus, ad affermarlo uno studio cinese.

L’aumento delle temperature e dell’umidità potrebbe rallentare la diffusione del Coronavirus. Non una soluzione in senso stretto all’emergenza, ma dal clima potrebbe arrivare un aiuto importante per fronteggiare la pandemia di Covid-19. A sostenerlo sono i ricercatori di due università cinesi, la Beihang University e la Tsinghua University.

La ricerca è stata condotta in 100 città cinesi, dove nel frattempo è arrivata la primavera. L’arrivo di temperature più calde e di un maggiore tasso di umidità avrebbe contribuito al netto calo dei casi, spiegano gli studiosi dei due atenei. Per comprendere il fenomeno i ricercatori hanno applicato una formula matematica che ha permesso loro di minimizzare l’impatto sulla trasmissione del virus generato dalle forti restrizioni operate dal governo cinese.

A tal proposito sono stati presi in considerazione i dati relativi a 100 città cinesi, nelle quali tra il 21 e il 23 gennaio si sono verificati almeno 40 casi di Coronavirus al giorno. Secondo gli studiosi l’impatto delle temperature e del tasso di umidità non è particolarmente elevato, ma è comunque sufficientemente alto da meritare di essere preso in considerazione:

Nei primi periodi di diffusione del virus, i Paesi con relativamente bassa temperatura dell’aria e basso tasso di umidità (ad esempio Corea del Sud, Giappone e Iran) hanno assistito a sviluppi gravi rispetto a nazioni dove c’era più caldo e un tasso di umidità più elevato (ad esempio Singapore, Malesia e Thailandia).

I ricercatori sottolineano però che l’incremento delle temperature e del tasso di umidità non agisce come una cura, contribuendo alla guarigione dei malati, ma si limita a rallentare il tasso di nuovi contagi.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit: esercizi da fare in casa (lezione 1)