Alluvioni in Liguria, strage al rifugio per gatti

Alluvioni in Liguria, strage al rifugio per gatti

Fonte immagine: Pixabay

Le alluvioni che hanno colpito la Liguria hanno colpito un rifugio per gatti, portando alla morta di ben 12 esemplari: accade a Ventimiglia.

Alluvioni e piogge torrenziali, weekend nero in Liguria. La furia del vento e della pioggia si è abbattuta su numerose zone della Regione, causando la caduta di alberi, allagamenti dei centri abitati e danni agli edifici. Purtroppo anche un rifugio per gatti è stato colpito dall’irruenza del maltempo, non solo distruggendo le strutture, ma anche determinando la morte di molti felini.

È quanto è accaduto presso il gattile “Randagi Fortunati” di Peglia, a Ventimiglia, letteralmente distrutto dall’alluvione lo scorso venerdì. A darne notizia sono i volontari che gestiscono la struttura, tramite un aggiornamento sulle piattaforme social, poi ripresi dal quotidiano La Stampa.

Alluvioni: strage al gattile

Il rifugio “Randagi Fortunati” è stato colpito venerdì dall’esondazione del fiume Roja, dopo una giornata di piogge torrenziali. I volontari nel pomeriggio avevano cercato di mettere in sicurezza la struttura e i suoi ospiti, proteggendo le gabbiette con dei teli impermeabili. Ma nessuno avrebbe mai potuto immaginare un evento tanto violento quanto improvviso. Così spiega una volontaria:

Saranno state le 2 di notte quando mi sono trovata davanti a quest’orrore… Senza luce, senza mezzi… Avrei tanto voluto esser DIO in quel momento, avrei tanto voluto poterli salvare tutti… E invece… arrivare lì a nuoto e accorgersi che per tanti è già troppo tardi.

Circa 12 felini hanno purtroppo perso la vita a causa dell’improvviso allagamento, mentre tutti gli altri gatti sono stati fortunatamente soccorsi e affidati alle cure di volontari fidati. La struttura ha riportato ingenti danni, ma è già partita una gara di solidarietà tra gli stessi volontari e i cittadini per poterla riaprire al più presto:

Al momento al gattile servirà veramente tutto perché tantissimo è andato perduto per sempre. Partirà a breve un raccolta fondi, confidiamo nel vostro aiuto perché l’associazione Randagi Fortunati in quel luogo oggi ci ha seppellito una fetta di cuore.

Fonte: La Stampa

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta