• GreenStyle
  • Pets
  • Allevamento in gabbia: petizione europea raggiunge 1 milione di firme

Allevamento in gabbia: petizione europea raggiunge 1 milione di firme

Allevamento in gabbia: petizione europea raggiunge 1 milione di firme

Fonte immagine: Pexels

Ha raggiunto il milione di firme la petizione europea per chiedere la fine degli allevamenti in gabbia: un successo per le associazioni.

Ha raggiunto il milione di firme la petizione, avviata a livello europeo, per richiedere la fine degli allevamenti in gabbia. È quanto riporta l’agenzia di stampa ANSA, nel confermare i risultati di “End the Cage Age”, un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE). L’obiettivo è chiedere alle istituzioni del Vecchio Continente delle norme più ferree per l’allevamento degli animali, affinché non siano costretti a passare la loro intera esistenza in piccoli anfratti, spesso senza nemmeno la possibilità di muoversi.

Il progetto è partito lo scorso settembre, coinvolgendo oltre 170 organizzazioni per la tutela e la protezione degli animali, sparse su tutto il territorio europeo. L’obiettivo, d’altronde, era importante: affinché la Commissione Europea prenda in considerazione una proposta di legge dai cittadini, tramite lo strumento dell’ICE, è infatti necessario raccogliere un milione di firme. Obiettivo, quest’ultimo, finalmente raggiunto.

Sono oltre 300 milioni gli animali da allevamento – come scrofe, galline, conigli, anatre, quagli e vitelli – che vengono tutt’oggi allevati in gabbia in Europa. Nella maggior parte dei casi, si tratta di esemplari tenuti in spazi angusti, con poca o nulla possibilità di muoversi, costretti a rimanere nelle stesse posizioni per gran parte della loro esistenza. I promotori, di conseguenza, chiedono che venga sostenuta la necessità dell’allevamento a terra, che permette all’animale sia di muoversi secondo le caratteristiche della sua specie che di socializzare con i simili.

Sono 20 le associazioni italiane che hanno aderito all’iniziativa, così come rivela l’elenco pubblicato da ANSA: Animal Law, Animal Aid, Animal Equality, CIWF Italia Onlus, Lega Nazionale Difesa del Cane, Legambiente, Amici della Terra, Il Fatto Alimentare, Terra Nuova, Slow Food, Confconsumatori, Lega per l’abolizione della caccia, Jane Goodall Institute, Terra! Onlus, Animalisti Italiani, ENPA, LAV, Partito animalista, LEIDAA, OIPA e LUMEN. Così hanno commentato il raggiungimento dell’importante obiettivo:

Quella di oggi è una pietra miliare per la protezione degli animali negli allevamenti. La lotta per porre fine all’uso delle gabbie non è però finita. Dobbiamo continuare a raccogliere firme per fare sì che il parlamento europeo capisca che sono tanti, tantissimi i cittadini europei che vogliono che tutti gli animali siano liberi di muoversi e non passino una vita di sofferenza dietro alle sbarre di una squallida gabbia.

Fonte: ANSA

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!