• GreenStyle
  • Consumi
  • Allerta vongole con melma pescate alla foce del Sarno: rischio cancro

Allerta vongole con melma pescate alla foce del Sarno: rischio cancro

Allerta vongole con melma pescate alla foce del Sarno: rischio cancro

Allerta per sostanze cancerogene nelle vongole pescate alla foce del Sarno, nel mirino alcuni pescatori di frodo.

Vendute nelle pescherie vongole pescate nella melma presso la foce del Sarno. A diffondere l’allerta l’Arpac e l’Istituto Zooprofilattico di Portici, che hanno condotto apposite analisi sui mitili, ma anche su campioni di sabbia e di acqua. Secondo quanto affermato dalle autorità sanitarie all’interno dei bivalve vi sarebbero sostanze ritenute “potenzialmente cancerogene“.

La pericolosità delle vongole pescate presso la foce del Sarno non si sarebbe rivelata però sufficiente a frenare un fitto commercio di tali prodotti ittici, raccolti nella zona di Castellammare di Stabia. Secondo quanto riferito da Il Mattino la fitta presenza dei mitili permetterebbe guadagni importanti, seppure illeciti, per chi rifornisce le pescherie. Stando alle stime sarebbe possibile pescare più di un chilogrammo e mezzo di vongole da circa 6 kg di sabbia.

Tale abbondanza rappresenta però una potenziale minaccia per la sicurezza alimentare e quindi per la salute dei consumatori, in considerazione dei livelli elevati di inquinamento associati al fiume Sarno. In particolare si sospetta che le vongole portino al loro interno importanti quantitativi di metalli pesanti. Una pratica illegale secondo gli agenti della Guardia Costiera, come sottolineato dal comandante Ivan Savarese, che verrebbe messa in atto dagli stessi malviventi che estraggono i datteri di mare dalla costa sorrentina (con grave danno per il patrimonio naturale).

Dopo settimane di appostamenti e monitoraggi la Guardia Costiera è riuscita ad arrivare a un primo arresto in flagrante. Il sub in questione è stato fermato mentre raccoglieva le vongole tra la melma del Sarno. Per l’uomo si concretizzerebbe il reato di pesca vietata, ma proprio le analisi di Arpac e Istituto Zooprofilattico di Portici potrebbero portare all’accusa di attentato alla salute pubblica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci