• GreenStyle
  • Consumi
  • Allerta spinaci contaminati da mandragora: lotti coinvolti e rischi

Allerta spinaci contaminati da mandragora: lotti coinvolti e rischi

Allerta spinaci contaminati da mandragora: lotti coinvolti e rischi

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro di un lotto di spinaci surgelati per contaminazione da mandragora, pianta altamente tossica e velenosa.

Allerta alimentare per degli spinaci surgelati. Il Ministero della Salute ha predisposto il ritiro degli Spinaci Millefoglie Surgelati 750 grammi Bonduelle in quanto al loro interno pare sia presente la Mandragora, una pianta tossica e con proprietà narcotiche. Nel comunicato ministeriale viene espressamente scritto che il prodotto non deve essere consumato.

Nello specifico il lotto interessato dall’ordine di ritiro è quello con il numero 5986504-7222 45M63 08:29. Il nome del produttore è Gelagri Iberica, SL, e gli spinaci in questione sono stati confezionati a Milagro (Navarra) in Spagna. La scadenza del prodotto è ad agosto 2019.

Nei giorni scorsi a Milano una famiglia è stata ricoverata in ospedale, come riportato da diversi giornali locali, in preda a vari livelli di confusione e malessere proprio dopo aver mangiato degli spinaci contaminati da foglie di mandragora.

La mandragora è una pianta velenosa della famiglia delle solanacee. Vista la sua forma simile alla borragine può capitare nel periodo della raccolta di scambiare le due piante, ma come abbiamo detto la mandragora è velenosa. I sintomi di un’intossicazione sono confusione mentale, vertigini, diarrea, nausea e malessere generale. Se avete consumato la mandragora o ne avete il dubbio è bene recarsi in ospedale, dove vi verrà somministrato un antidoto specifico (la fisostigmina).

AGGIORNAMENTO: In seguito a ulteriori analisi sarebbero state escluse possibili relazioni tra gli episodi di intossicazione avvenuti nel milanese e il prodotto Bonduelle, che ha dichiarato:

Gli esiti delle analisi effettuate dall’ATS Milano sui lotti di Spinaci Millefoglie Bonduelle surgelati richiamati, come misura precauzionale, nei giorni scorsi sono negativi: non rivelano la presenza di sostanze anticolinergiche responsabili della sospetta intossicazione da mandragora.

Seguici anche sui canali social