Allerta salmonella: ritirato un lotto di croissant Bauli

Allerta salmonella: ritirato un lotto di croissant Bauli

Fonte immagine: skeeze / Pixabay

Per allerta salmonella è stato ritirato un lotto di croissant Bauli alla crema, secondo quanto disposto dal Ministero della Salute.

Per allerta salmonella è stato ritirato un lotto di croissant Bauli. La presenza del batterio è stata individuata in alcune confezioni di merendine Bauli con crema al latte.

A comunicare la nuova allerta salmonella è stato direttamente il Ministero della Salute, con un comunicato apposito nel quale si fa riferimento al lotto di merendine ritirate e attraverso il quale si danno alcuni consigli utili per i consumatori.

Il lotto interessato dall’allerta salmonella è quello contrassegnato con il codice LA8312BR. Le merendine in questione hanno come data di scadenza il 30 novembre 2018 e sono vendute nelle confezioni da 300 grammi (6 prodotti per 50 grammi). I prodotti alimentari ritirati sono stati realizzati nello stabilimento Bauli di Castel D’Azzano (Provincia di Verona), in via Verdi 31.

Il Ministero della Salute attraverso il comunicato ufficiale che dispone il ritiro del lotto in questione raccomanda in via precauzionale di non procedere con il consumo delle merendine interessate dal richiamo.

Il consiglio per i consumatori è quello di restituire le confezioni eventualmente acquistate e appartenenti al lotto oggetto del ritiro direttamente nel negozio in cui è stata effettuata la vendita. Il Ministero della Salute ricorda che tutti gli altri prodotti alimentari Bauli non interessati da questo avviso sono da considerare sicuri e quindi possono essere consumati senza pericolo.

Il rischio microbiologico va ad aggiungersi alle diverse allerte alimentari degli ultimi tempi, come quella che riguarda i pomodorini Decò, nei quali è stata rinvenuta la presenza di un fitofarmaco, o quella relativa al cous cous con pollo e verdure ritirato dalle catene Auchan e Simply.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Davide Mercati – Aboca