• GreenStyle
  • Consumi
  • Allerta listeria per il vitello tonnato: ecco i lotti interessati

Allerta listeria per il vitello tonnato: ecco i lotti interessati

Allerta listeria per il vitello tonnato: ecco i lotti interessati

Fonte immagine: FrankGeorg / Pixabay

Diffusa dal Ministero della Salute un'allerta listeria per alcune confezioni di vitello tonnato, ecco come riconoscerle.

È allerta listeria per alcuni lotti di vitello tonnato distribuito a marchio Gastronomia d’Italia. Oggetto dell’avviso diffuso dal Ministero della Salute sono alcune confezioni di tale prodotto nel formato da 230 grammi, prodotte dall’azienda La Sorgente srl. Da esami di laboratorio sarebbe emerso un rischio microbiologico derivata dalla “possibile presenza di Listeria monocytogenes”.

Le confezioni di vitello tonnato interessate dall’allerta listeria sono quelle da 230 grammi a marchio Gastronomia d’Italia, prodotte da La Sorgente srl presso lo stabilimento di via Aldo Moro, 6 – 20060 Pessano con Bornago (MI). Il codice stabilimento è BOLLO CE IT358L CE, mentre sono due le date di scadenza (o in alternativa il termine minimo di conservazione) oggetto del richiamo: 24 e 26/11/18.

Il lotto di vitello tonnato oggetto dell’allerta listeria è il numero 18048. A questo proposito le indicazioni del Ministero della Salute sono di non consumare il prodotto, ma di riconsegnarlo presso il punto vendita. Il provvedimento di ritiro dal mercato segue quello, pubblicato sempre dal Ministero della Salute, che ha coinvolto il panettone Gran Nocciolato Maina.

Da quanto si legge nel richiamo ministeriale il panettone Gran Nocciolato Maina sarebbe a rischio per la possibile presenza di filamenti metallici. L’allerta è stata lanciata dalla stessa azienda a seguito della rottura di un elemento del macchinario di produzione. I lotti interessati dal ritiro sono i numero 801077, 881077 e 891077. Le confezioni sono da un chilo, la scadenza fissata al 30 giugno 2019.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Davide Mercati – Aboca