• GreenStyle
  • Consumi
  • Allerta filamenti metallici: ritirati lotti di Maina Gran Nocciolato

Allerta filamenti metallici: ritirati lotti di Maina Gran Nocciolato

Allerta filamenti metallici: ritirati lotti di Maina Gran Nocciolato

Fonte immagine: assente

Sono stati richiamati dal commercio per allerta alimentare alcuni lotti del panettone Maina Gran Nocciolato per possibile presenza di filamenti metallici.

È allerta alimentare per il panettone Maina Gran Nocciolato. L’azienda produttrice ha deciso di ritirare dal commercio alcuni lotti del prodotto perché sussiste il sospetto di una possibile contaminazione resa dalla presenza di alcuni filamenti metallici.

I lotti ritirati dagli scaffali dei supermercati sono stati quelli che riportano i numeri 801077, 881077 e 891077. Si tratta di confezioni da un chilo con scadenza il 30 giugno 2019. È stata la stessa Maina a spiegare che l’eventuale presenza di filamenti metallici potrebbe essere stata determinata dal fatto che si è spezzato un setaccio utilizzato nella catena produttiva.

Gli esperti interni avrebbero controllato i panettoni e avrebbero ritrovato delle tracce che hanno fatto dubitare. I filamenti metallici potrebbero interessare i panettoni che sono stati prodotti nella stessa giornata. Tuttavia i controlli interni non sono riusciti a comprendere quali singoli prodotti siano stati interessati dalla contaminazione. Per questo è scattata l’allerta alimentare e l’azienda ha deciso di richiamare tutti i lotti coinvolti.

Per avere maggiori informazioni i consumatori possono chiamare il numero verde 800617781, che è attivo tutti i giorni (esclusi sabato e domenica) dalle ore 8 alle ore 12 e nel pomeriggio dalle 14 alle 18. I consumatori che hanno acquistato prodotti rientranti nei lotti sospetti di allerta alimentare non dovrebbero consumare il panettone Maina, ma dovrebbero riportarlo presso i supermercati in cui l’hanno acquistato, in modo da ottenerne la sostituzione.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Davide Mercati – Aboca