Allerta antibiotici per i limoni provenienti dalla Florida

Allerta antibiotici per i limoni provenienti dalla Florida

Fonte immagine: Pixabay

Gli agrumi provenienti dalla Florida sono pieni di antibiotici poiché Trump ha dato il via libera a spruzzare i medicinali su limoni e altre piante.

I limoni della Florida regaleranno una spremuta di antibiotici. Donald Trump ha approvato una legge che permette di innalzare il livello di antibiotici, in particolare l’ossitetraciclina, spruzzati negli agrumi. Ossitetraciclina è un antibiotico che ha un’attività antibatterica ad ampio spettro nella lotta contro alcune infezioni respiratorie come la polmonite.

La decisione dell’Agenzia per la protezione ambientale apre quindi le porte a un uso diffuso del farmaco in California, in Florida e in altri Stati su colture come pompelmi, arance, limoni e mandarini con trattamenti su quasi mezzo milione di ettari di agrumi. Lo scienziato Nathan Donley del Center for Biological Diversity spiega i pericoli che potrebbe portare questa norma:

Questa soluzione agricola a breve termine è un precedente orribile che ignora le pericolose conseguenze a lungo termine dell’uso eccessivo di questi antibiotici. Più usiamo queste medicine in agricoltura, più è probabile che gli antibiotici perderanno la loro efficacia quando le persone si ammalano disperatamente.

La comunità scientifica americana esprime preoccupazione sulla resistenza agli antibiotici e su potenziali danni all’ambiente, alle persone e alla natura. Questi antibiotici sono già utilizzati in agricoltura, ma in misura molto ridotta, non di certo ai livelli massimi.

Precisiamo che sia l’Unione europea che il Brasile hanno vietato l’uso dell’ossitetraciclina e della streptomicina per l’uso come pesticidi sulle piante agricole. Molte organizzazioni ambientaliste mettono in guardia i consumatori verso gli agrumi provenienti dalla Florida che potrebbero diventare delle spremute di antibiotici.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Davide Mercati – Aboca