Allerta allergeni per marshmallow IKEA, i lotti ritirati

Allerta allergeni per marshmallow IKEA, i lotti ritirati

Allerta allergeni per alcuni dolci di marshmallow venduti nei punti IKEA: ecco quali sono le confezioni a rischio e come riconoscerle.

Allerta allergeni per alcuni lotti di dolci di marshmallow SÖTSAK SKUMTOPP venduti presso i punti vendita IKEA. A diffondere l’avviso il Ministero della Salute italiano, che nella giornata di oggi ha diffuso le indicazioni per riconoscere i prodotti oggetto del ritiro e le motivazioni che hanno portato alle disposizioni.

I dolci di marshmallow SÖTSAK SKUMTOPP interessati dall’allerta allergeni sono quelli venduti da IKEA in confezioni da 180 grammi e prodotti dalla Continental Bakeries North Europe AB, stabilimento di Grabower Süsswaren Gmbh. In questo avviso sulla sicurezza alimentare diffuso dal Ministero della Salute non è indicato uno specifico numero di lotto per i prodotti coinvolti, che vengono identificati attraverso il Termine Minimo di Conservazione: oggetto dell’avviso quelli il cui TMC è compreso tra 12/03/19 e il 18/04/19.

Come spiegato nell’allerta del Ministero della Salute è stato disposto il ritiro del prodotto per mancata indicazione della presenza dell’allergene latte, che metterebbe a rischio i consumatori sensibili a tale ingrediente:

Il prodotto contiene siero di latte in polvere, derivato del latte, che può rappresentare un rischio per le persone allergiche o intolleranti al latte o ai suoi componenti. Il siero di latte in polvere è indicato nell’elenco gli ingredienti; il latte invece non compare.

Di alcuni giorni fa è invece l’allerta allergeni diffusa dal Ministero della Salute in merito alla presenza di soia nelle farine a marchio “Selex” e “Cuore Mediterraneo”, entrambe prodotte dalla ditta Molino Rossetto di Pontelongo (PD). I lotti interessati in questo caso sono il numero L 19 008 e il L 19 009.

Fonte: Ministero della Salute

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi