Allergie: aumentano se la camera da letto è sporca

Allergie: aumentano se la camera da letto è sporca

Le allergie possono aumentare quando la camera da letto non è pulita, a sostenerlo uno studio Samsung UK.

La camera da letto potrebbe essere un fattore di rischio per le allergie. Stando ai risultati di un sondaggio promosso da Samsung Electronics UK, proprio il luogo destinato al riposo sarebbe quello all’interno del quale vengono manifestati i sintomi maggiori.

Circa il 34% dei britannici si soffierebbe il naso a causa delle allergie soprattutto in camera da letto, mentre il 33% nel soggiorno e il 18% in cucina. A influire su questi dati spesso il periodo trascorso il quale vengono cambiate le lenzuola: per il 17% si tratta di una volta al mese, per il 12% il periodo è di due mesi.

Tra le possibili allergie derivate da una cattiva pulizia della casa, in particolare della camera da letto, quella agli acari della polvere, alle muffe e al pelo degli animali. Opportuno procedere con pulizie periodiche, sostiene Samsung in una nota:

Con i fine settimana di maggio appena dietro l’angolo, adesso è un buon momento per chiunque per dare alla proprie case una bella pulita primaverile ed essere sicuri che poi non spenderanno più tempo del necessario per cercare i fazzoletti a causa delle allergie.

Ad ogni modo, con un numero di prodotti come gli aspirapolvere destinati nello specifico a soggetti con allergie, in questo momento è importante che le persone non soffrano in silenzio e siano coscienti che l’aiuto per loro è a portata di mano.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Tessa Gelisio