• GreenStyle
  • Consumi
  • AIDAA: proibire i botti di Capodanno per la salute di cane e gatto

AIDAA: proibire i botti di Capodanno per la salute di cane e gatto

AIDAA: proibire i botti di Capodanno per la salute di cane e gatto

Torna per il terzo anno la campagna di AIDAA contro l'utilizzo dei botti di Capodanno, pericolosi per l'uomo e dannosi per la salute degli animali

L’AIDAA dà il via alla campagna “No ai botti di Capodanno 2011“. Torna l’iniziativa dell’associazione animalista per la messa al bando di razzi e petardi, pericolosi per la salute dell’uomo e soprattutto per quella degli animali. La notte in cui molti festeggiano con rumori sempre più assordanti è un vero e proprio incubo per cani e gatti di casa.

L’iniziativa dell’AIDAA è giunta alla sua terza edizione. In questi anni almeno un risultato è stato raggiunto: la legge italiana prevede, come quella europea, il divieto di vendita di alcuni tipi di razzi e petardi poiché risultati troppo pericolosi anche secondo il parare di alcuni operatori del settore. Un primo traguardo che però non ferma la campagna promossa dall’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente, che denuncia come migliaia di animali ogni anno muoiano o rimangano feriti a causa dei botti la notte di Capodanno. Sono circa 10.000 tra cani e gatti a essere vittima ogni anno dei “festeggiamenti”, oltre a migliaia di uccelli e altri animali notturni o da lavoro.

Il consiglio è di tenere i propri animali chiusi dentro casa fino alla tarda mattinata seguente. L’AIDAA offre il proprio aiuto attraverso un “numero amico”, il 3926552051, attivo dal 22 dicembre al 6 gennaio. Su Firmiamo.it c’è inoltre la possibilità di firmare una petizione per richiedere lo stop ai botti di Capodanno. Al momento si sono superate le 5.500 firme, mentre l’obiettivo per fine anno è di superare quota 10.000.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il parto in diretta di una rara giraffa di Rothschild