• GreenStyle
  • Consumi
  • Acque minerali ed effetti benefici, sul web informazioni fuorvianti

Acque minerali ed effetti benefici, sul web informazioni fuorvianti

Acque minerali ed effetti benefici, sul web informazioni fuorvianti

Fonte immagine: Pixabay

Secondo uno studio nell'Università di Padova, nelle descrizioni dei siti sono spesso pubblicizzati effetti benefici non suffragati da evidenze scientifiche.

Il web marketing rende molto difficile monitorare le indicazioni nutrizionali e sanitarie di ciò che viene pubblicizzato. I prodotti vengono reclamizzati per i loro effetti benefici, fondamentali per la salute, senza però che queste informazioni vengano suffragate da prove scientifiche. E questo vale anche per le acque minerali.

A mettere ordine in termini di correttezza delle informazioni è ora uno studio condotto dal team di ricerca dell’unità di Biostatistica, epidemiologia e sanità pubblica dell’Università di Padova. Coordinato dal dott. Dario Gregori e con il contributo dell’Istituto Superiore di Sanità, lo studio ha esaminato in profondità i contenuti dei siti web riguardanti le acque in bottiglia prodotte in Italia.

Nella ricerca, pubblicata sulla rivista International Journal of Environmental Research and Public Health, gli scienziati hanno passato in rassegna i contenuti dei siti web di 253 acque in bottiglia prodotte in Italia, riportate nella relazione annuale di Bevitalia 2016-2017.

Per ogni marca hanno quindi esaminato le indicazioni nutrizionali e sanitarie riportate, relative a proprietà preventive, curative o terapeutiche dell’acqua segnalata. E hanno valutato quali tipi di indicazioni fossero segnalate più frequentemente.

Dai risultati è emerso che 40 acque in bottiglia includevano informazioni potenzialmente fuorvianti, non coerenti con la direttiva europea sullo sfruttamento e la commercializzazione di acque minerali naturali. Come spiega Dario Gregori:

Abbiamo notato in particolare come le informazioni sugli effetti salutistici riportate nei siti web di tali acque, non sufficientemente supportate da riscontri scientifici o di letteratura, si riferiscano per lo più a possibili effetti benefici per le vie urinarie e sistemi cardiovascolari, ma spesso allargandosi fino a dichiarazioni di efficacia in ambiti particolari o anche sull’estetica del potenziale consumatore.

Lo studio, concludono i ricercatori, evidenzia che il monitoraggio del contenuto dei siti web è altrettanto necessario di quello sulle etichette alimentari, per evitare pratiche di marketing inappropriate e dare al consumatore le indicazioni corrette sui possibili effetti dovuti al consumo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Acqua: dal rubinetto, in bottiglia o depurata?