• GreenStyle
  • Salute
  • Acqua contaminata: donna muore a causa dell’ameba mangia-cervello

Acqua contaminata: donna muore a causa dell’ameba mangia-cervello

Acqua contaminata: donna muore a causa dell’ameba mangia-cervello

Donna morta negli USA a causa dell'ameba mangia-cervello, entrata nell'organismo della 69enne attraverso l'acqua di rubinetto contaminata.

Utilizzare l’acqua del rubinetto di casa è costato la vita a una 69enne statunitense, che attraverso tale pratica è stata infestata dalla cosiddetta ameba mangia-cervello. È accaduto a Seattle, dove la donna risiedeva, come riferito al Seattle Times dal dott. Charles Cobbs, neurochirurgo presso lo Swedish Medical Center.

La donna aveva contratto una severa forma di sinusite e per questo motivo le erano stati consigliati i lavaggi nasali. Anziché però effettuarli con acqua sterile o con una soluzione fisiologica, come le era stato raccomandato, la 69enne ha scelto di utilizzare un semplice depuratore domestico tra i tanti in commercio. L’apparecchio avrebbe consentito all’ameba mangia-cervello di arrivare all’organismo attraverso il dispositivo impiegato per tale pratica.

Dopo un mese dall’inizio dei trattamenti la donna ha visto manifestarsi sul volto una macchia rossa, diagnosticata dal dermatologo come una semplice eruzione cutanea e trattata con un unguento. Il sopraggiungere di convulsioni ha portato a ulteriori analisi e da una tomografia computerizzata si è evidenziata una lesione di oltre un centimetro nell’area cerebrale. È stato ipotizzato a quel punto l’insorgere di una patologia tumorale e si è optato per l’operazione chirurgica.

Durante l’intervento i chirurghi hanno scoperto la presenza dell’ameba mangia-cervello, con diversi esemplari intenti a “consumare” le cellule cerebrali. Come dichiarato dal dott. Cobbs:

C’erano queste amebe dappertutto che mangiavano solo cellule cerebrali.

La donna è peggiorata in maniera progressiva, tanto da portare la famiglia a interrompere il supporto meccanico alle funzioni vitali. Alla base del problema un’infestazione da Balamuthia mandrillaris, anche detta ameba mangia-cervello, da cui deriva una patologia il cui un tasso di mortalità è prossimo al 100%. Il dottor Cobbs ha voluto però sottolineare il fatto che non sia stata la pratica del Neti Lota a causa l’infezione, ma l’utilizzo di acqua contaminata al posto di quella sterile o della soluzione fisiologica.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio