• GreenStyle
  • Pets
  • Abbandono cani e gatti: +20% in USA a causa del COVID

Abbandono cani e gatti: +20% in USA a causa del COVID

Abbandono cani e gatti: +20% in USA a causa del COVID

Fonte immagine: Pixabay

Cresce l'abbandono di cani e gatti negli Stati Uniti, come conseguenza al lockdown da COVID: la situazione più drammatica a Houston, in Texas.

Aumenta l’abbandono di cani e gatti durante il lockdown da coronavirus. È quanto sta accadendo negli Stati Uniti, dove diverse realtà di tutela hanno rilevato una crescita del 20% dei quadrupedi lasciati al loro destino. La situazione più grave a Houston, in Texas, così come conferma la locale divisione di SPCA.

Nella sola città di Houston, dal mese di marzo – data di inizio del lockdown a stelle e strisce – si sono registrati 187 casi di abbandono in più rispetto all’anno precedente. Si tratta di una crescita del 20% su base annua, per una tendenza che preoccupa gli esperti.

Non è però tutto: negli ultimi 30 giorni i gruppi di recupero della città texana hanno recuperato ben 11 animali in pessime condizioni igieniche e di salute. In particolare, una femmina di pochi mesi risultava completamente priva di pelo e impossibilitata a reggersi sulle sue zampe, data una forte denutrizione. La scorsa settimana, invece, la SPCA è stata chiamata per recuperare dei cani e dei gatti, abbandonati dai proprietari in un’abitazione ormai vuota. Dopo pochi giorni, un caso analogo: quattro cani, un cincillà e un gatto sono stati trovati all’interno di un appartamento disabitato.

Adam Reynolds, responsabile della divisione Animal Cruelty della locale SPCA, ha così commentato questi casi:

Nonostante questo periodo incerto, non vi è ragione di abbandonare un animale. È contro la legge dello stato ed è crudele. Ci sono soluzioni migliori. Basta contattare la SPCA o un locale rifugio per animali, anziché lasciare un quadrupede solo a soffrire oppure a morire.

Al momento non è dato sapere perché in Texas, e in molti altri stati a stelle e strisce, i proprietari di animali abbiano deciso di disfarsene durante il lockdown. La motivazione più plausibile è quella dei problemi economici dovuti alla chiusura di molte attività commerciali, così come alla perdita del lavoro per svariate famiglie. In presenza di difficoltà economiche che rendono difficile l’accudimento di un animale, però, è necessario rivolgersi alle tante strutture e alle associazioni sparse sul territorio.

Fonte: Click2Houston

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il parto in diretta di una rara giraffa di Rothschild