A luglio sarà caldo record: notti tropicali a Roma e Milano

A luglio sarà caldo record: notti tropicali a Roma e Milano

Fonte immagine: rudigobbo via iStock

Dopo il mese di giugno, dal caldo senza precedenti, anche luglio sarà caratterizzato da temperature massime record, notti umide e afa intensa.

Lo abbiamo pensato tutti tra notti torride e strade quasi sciolte dall’afa. Lo conferma la statistica: l’estate 2019 potrebbe diventare la più calda dal 1880 ad oggi. Dopo il record del mese di giugno, anche luglio pare avvicinarsi alle temperature record di questa stagione: in arrivo un incontro tra correnti calde provenienti dall’Africa sub-sahariana e dalle Azzorre.

Conseguenza dell’avvicendamento tra i due flussi meteorologici saranno massime roventi in tutta Italia, dai 36 gradi delle principali località, fino ai 42 della Puglia. È l’allarme di Solar Power Network, multinazionale canadese che opera nel settore del fotovoltaico, nell’ambito dell’evento “The Rise of Social Relief”, dedicato ai temi della crucialità e dell’importanza dell’energia proveniente dal sole.

Un mese che secondo le previsioni dell’impresa nordamericana sarà caratterizzato da un altro nemico del sonno:l’umidità. Notti da zone tropicali sono previste sia a Milano che a Roma insieme alle principali città come Venezia, Bologna, Firenze e Napoli, con percentuali che si aggirano tra il 70% e l’80%, un livello che rende difficili e complicate il riposo delle persone. Questi valori non hanno lasciato indifferente Peter Goodman, CEO Solar Power Network:

È scientificamente provato che una grande componente del surriscaldamento del pianeta è correlata a un basso grado di attenzione e coscienza sulle emissioni. Non stiamo intraprendendo azioni sufficienti, in particolare sulle energie rinnovabili, tuttavia il solare è sicuramente la soluzione più efficace per ridurre drasticamente la produzione di Co2 e scongiurare il surriscaldamento delle superfici, grazie a strutture che ombreggiano terreno o tetti mentre assorbono la radiazione solare

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un time lapse mostra come l’uomo sta distruggendo la Terra