8 drink vegani per la stagione natalizia

8 drink vegani per la stagione natalizia

Fonte immagine: Unsplash

8 idee per realizzare drink vegani gustosi per Natale: ricette creulty free per innalzare i calici e brindare senza pesare sull'ambiente.

La stagione delle feste ha preso il via: Natale è il momento giusto per sperimentare e creare nuove combinazioni alimentari. Magari abbracciando uno stile cruelty-free e più vegan, estendendo la proposta anche alle bevande con drink e cocktail del tutto alternativi. Questo è il momento perfetto per servire qualcosa di sfizioso e gustoso, così da brindare con amici e parenti celebrando le festività. E, perché no, anche festeggiando il passaggio dal vecchio al nuovo anno. Per innalzare i calici in modo adeguato è importante scegliere i giusti ingredienti, che non contengano prodotti e derivati di origine animale, per un brindisi sano e a impatto quasi azzerato.

Vodka Sour

Semplice e delicato, è un drink leggero ma immediato, che si prepara shakerando vodka con limone e sciroppo di zucchero. Per una versione vegan si può evitare l’utilizzo dell’uovo, mentre si può servire con ghiaccio oppure liscio, ma sempre freddo. Per un gusto in più si può aggiungere una fragola o frullarla e mixarla con gli ingredienti.

Vin brulé

Vin brulè

La più classica delle bevande invernali si prepara velocemente: secondo una ricetta tedesca, basta inserire 10 chiodi di garofano in due arance per poi posizionarle in una pentola capiente. Si versa una tazza e mezza di succo d’arancio, mezza tazza di zucchero di canna o di cocco, un pezzetto di zenzero fresco affettato, 5 bastoncini di cannella, due stelle di anice stellato, un baccello di vaniglia, una foglia di alloro. Si fa bollire, si aggiunge una tazza di vino vegan e si lascia caramellare per 30 minuti abbassando la fiamma, quindi si unisce il resto del vino rosso (quasi due bottiglie) con una tazza di rum. Si lascia scaldare per 5 minuti, si filtra e si serve bello caldo.

Agrumi e gin

Un drink leggero ma intenso, basta tritare 100 grammi di radice di zenzero, la si frulla con 4 pompelmi e 4 arance, si filtra il tutto si shakera con zucchero di canna, acqua frizzante e gin. Si serve con qualche cubetto di ghiaccio.

Sangria

Sangria

Bevanda caliente per eccellenza, è l’ideale per scaldare le serate delle feste: basta sbucciare e lavare 3 pesche mature, 1 mela e 1 arancia, le si taglia a cubetti e si mescolano in una caraffa capiente con mezzo litro di vino rosso vegan. Si aggiunge dello zucchero di canna, a piacere un goccio di rum, un limone sbucciato e tagliato a pezzetti, mezzo cucchiaino di cannella e si mescola tutto. Si lascia raffreddare in frigorifero per mezza giornata e si serve con ghiaccio.

Screwdriver

Bastano due ingredienti per questo drink potente: vodka e succo d’arancia. Si spremono le arance fresche, si filtra il tutto versando il succo nel bicchiere con la vodka. A completare ghiaccio, una mescolata e una fetta d’arancia decorativa.

Spritz alla fragola

Drink

Si frullano le fragole filtrandole per ricavare il succo, quindi si mescola tutto con 2 cucchiai di zucchero di canna, 200 ml di acqua frizzante (in alternativa prosecco vegan) e qualche cubetto di ghiaccio. Si può decorare con una fetta di pompelmo o mezza fragola.

Limoncello, mirto e nocino

Perfetti se di produzione casalinga, altrimenti è bene controllare gli ingredienti ed evitare prodotti contenenti zucchero bianco e miele. Le realizzazioni più recenti sono più attente alle esigenze del consumatore, offrono prodotti con ingredienti naturali e spesso creulty free. Ottimi per concludere il pasto e agevolare la digestione.

Frullato al cioccolato

Cioccolato

Pronto in pochi minuti, basta versare in un frullatore 2 tazze di latte di riso, 2 banane congelate, 4 datteri, mezzo cucchiaino di cannella in polvere e 2 cucchiai di cacao in polvere amaro. Si mescola tutto fino a ottenere un composto liscio, si versa in mini barattoli per conserva e si serve con panna montata vegan, sciroppo e gocce di cioccolato.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Roberto Pasi – Beeing