60 balene pilota si sono spiaggiate in Islanda

60 balene pilota si sono spiaggiate in Islanda

Fonte immagine: ruvanboshoff via iStock

60 balene pilota si sono spiaggiate in Islanda: a quanto pare, alla base della triste situazione vi sarebbe il moto molto forte delle correnti.

Oltre 60 balene pilota si sono spiaggiate in Islanda, per motivi al momento non del tutto noti. A fare la triste scoperta un gruppo di turisti, durante una gita in elicottero: sorvolando la costa, hanno avvistato i cetacei ormai in fin di vita. L’ipotesi più accreditata è che siano stati spinte da forti e improvvise correnti, trovando così la morte sulla spiaggia.

La notizia è stata resa nota dalla BBC, per poi essere ripresa in Italia da TGCom24. Qualche giorno fa, un gruppo di turisti stava sorvolando in elicottero la penisola di Snaefellsnes, quando improvvisamente le balene – circa una sessantina – sono state avvistate sulla spiaggia. L’elicottero si è quindi avvicinato all’area del ritrovamento, per identificare al meglio gli animali, confermando così il triste epilogo per questi animali. Così ha spiegato una testimone ai microfoni di BBC:

Volavamo verso nord e quando abbiamo sorvolato la spiaggia le abbiamo viste. Abbiamo fatto più giri sopra quella zona per capire se si trattasse di balene, foche o delfini. Alla fine siamo atterrati e abbiamo contato circa 60 esemplari, ma crediamo ce ne fossero di più perché c’erano altre pinne che spuntavano dalla sabbia.

Secondo alcuni biologi accorsi sul posto, così come già accennato, queste balene pilota potrebbero essersi spiaggiate a causa delle correnti che, di tanto in tanto, colpiscono in modo molto intenso l’area. Il fatto che si siano incagliate in gruppo nella sabbia non è casuale né insolito: questi cetacei vivono infatti in branchi molto numerosi e coesi e, quando un esemplare guida perde l’orientamento oppure in presenza di difficoltà nelle acque del mare, tendono a spiaggiarsi tutti contemporaneamente. La notizia è stata appresa con un certo sgomento e dispiacere dai social network, con molti utenti pronti ad accusare cambiamenti climatici e inquinamento dell’accaduto, sebbene al momento si tratti di ipotesi azzardate poiché la causa non è stata ancora pienamente accertata.

Fonte: TGCom24

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese