• GreenStyle
  • Pets
  • 5 delfini trovati spiaggiati sulle coste della Toscana

5 delfini trovati spiaggiati sulle coste della Toscana

5 delfini trovati spiaggiati sulle coste della Toscana

Fonte immagine: Pixabay

Cinque delfini sono stati rinvenuti spiaggiati e senza vita in diverse località della Regione Toscana: si indaga ora sulle cause dei decessi.

Sono cinque i delfini che, nel giro di pochissimi giorni, si sono spiaggiati sulle coste della Toscana. A renderlo noto sono le principali agenzie di stampa italiane, dopo la conferma dell’Arpat e dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Pisa. Gli esemplari sono stati rinvenuti dal 21 al 24 luglio scorsi, in diverse località della Regione, e al momento non sono note le cause del loro decesso.

Così come già accennato, i delfini senza vita sono stati trovati a partire dal 21 luglio, in località diverse sulle coste della regione. I primi quattro avvistamenti sono avvenuti nel Golfo di Baratti a Piombino, in località La Mazzanta a Vada nel comune di Rosignano Marittimo e sulla spiaggia del Quagliodromo, sempre a Piombino. Un quinto esemplare è stato invece scovato presso le saline di Orbetello, a Grosseto, così come riferisce l’agenzia di stampa ANSA.

Sulle prime quattro carcasse recuperate verranno eseguiti tutti gli esami autoptici di rito, per tentare di comprendere le cause della morte. Non avverrà lo stesso per la quinta, così come sempre ANSA riferisce, poiché ritrovata già in avanzato stato di decomposizione. Quasi tutti i delfini appartengono alla specie del Tursiops truncatus, il comune tursiope delle acque del Mediterrano, mentre il quinto è una Stenella. Il tursiope, in particolare, è il delfino maggiormente diffuso nei mari della Toscana, dove è presente in branchi decisamente numerosi.

Al momento non è possibile ipotizzare le cause dei decessi, poiché tutte le analisi di rito sono ancora in corso. Sui social network sono appare le più svariate teorie, tra cui il possibile inquinamento delle acque della zona o la diffusione di un agente patogeno fra i delfini, ma si tratta di ipotesi non ancora confermate. Bisognerà attendere il termine delle indagini e la relativa comunicazione da parte dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Toscana.

Fonte: ANSA

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!