1000 miliardi per l’Europa Green: questo il piano di Ursula von der Leyen

1000 miliardi per l’Europa Green: questo il piano di Ursula von der Leyen

Fonte immagine: Pixabay

A Strasburgo verrà svelato il piano di investimenti per la sostenibilità e l'ambiente voluto da Ursula von der Leyen: tutti i dettagli.

Domani, martedì 14 gennaio, è la data prescelta:  a Strasburgo verrà svelato uno dei pilastri del Green New Deal, un piano di investimenti per rendere l’Europa sostenibile. Secondo quanto divulgato il progetto prevederà: mille miliardi di investimenti solo nei prossimi dieci anni; fra questi 100 destinati alla riconversione economica delle aree maggiormente dipendenti dalle industrie inquinanti attraverso un Fondo per la transizione giusta. Regole meno severe sugli aiuti di Stato per gli interventi pubblici nei settori eco-sostenibili e coordinamento annuale con i governi per definire nel quadro del semestre europeo gli interventi necessari.

Il piano di Ursula von der Leyen: la bozza del documento

La bozza del documento riporta che la Commissione proporrà di dedicare almeno il 25% del bilancio Ue per investimenti in settori “verdi”, cioè 485 miliardi da qui al 2030; ad aggiungersi ad altri 115 miliardi che sono previsti dal cofinanziamento nazionale nel quadro dei vari programmi legati ai fondi strutturali europei; si potrà contare anche sui finanziamenti della Banca europea (piano ‘InvestEu). La Commissione vuole che almeno il 30% di questi finisca nel settore ‘green’. Si tratta di 195 miliardi al 2027 che diventerebbero 280 al 2030.

A fine anno, subito dopo la sua assegnazione, Ursula von der Leyen aveva presentato il suo maxi-piano verde, nel quale accennava i contorni delle misure da adottare per permettere all’Ue di raggiungere l’obiettivo «zero emissioni» nel 2050. Ora è il momento di concretizzare. Le speranza sono molte, soprattutto in Italia, dove potrebbero aprirsi nuovi spirargli anche per l’ex Ilva di Taranto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Premio Impresa Ambiente: intervista a Stefano Venditti di Asset Camera