La zuppa di fave secche, quest’ultime cotte nel recipiente in terracotta detto pignatta, è un’usanza tipicamente pugliese. Per realizzare questa deliziosa pietanza servono davvero pochissimi e semplici ingredienti. Otterrete un pasto genuino che, accompagnato da pane e verdure, può essere considerato un piatto unico. Proponiamo di seguito tre diverse versioni della ricetta.

Zuppa di fave secche

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di fave secche sbucciate;
  • olio extravergine d’oliva e sale q.b.;

Lasciate a bagno le fave per circa 12 ore. Scolatele e fatele cuocere a fuoco lento per 3 ore in una pignatta di terracotta, completamente ricoperte di acqua salata. Passata un’ora dalla cottura, provate a schiacciare le fave per ridurle in purea, mentre continuate a cuocerle. Mescolate spesso. Una volta giunti a fine cottura, servite calde con l’aggiunta di olio extravergine di oliva crudo. Se volete insaporire ulteriormente la zuppa, accompagnatela con la cicoria lessa.

Zuppa di fave e patate

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di fave secche sgusciate;
  • 300 g di patate;
  • 250 g di pasta;
  • 1 carota;
  • 50 g di cipolla;
  • 30 g di olio extravergine d’oliva;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1/2 cucchiaio di sale;
  • 800 ml d’acqua.

Mettete a bagno le fave secche per una notte. La mattina seguente sciacquatele e scolatele. Soffriggete in una pentola con due cucchiai d’olio la carota, la cipolla e l’aglio tritati, quindi saltate per qualche minuto anche le fave. Aggiungete l’acqua fredda e portate a ebollizione il tutto. Coprite con un coperchio e fate cuocere per due ore circa a fiamma bassa. A questo punto spegnete il fuoco, aggiustate di sale e, con un frullatore a immersione, mixate il tutto in un composto denso e omogeneo. Pelate le patate, tagliatele a dadini e aggiungetele alla purea di fave. Riaccendete il fuoco e cuocete per altri 30 minuti circa. Cuocete la pasta a parte e aggiungetela alla zuppa, servendola caldissima e condita con olio a crudo.

Zuppa di fave con miglio

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di patate;
  • 200 g di miglio;
  • 200 g di carote;
  • 200 g di fave fresche;
  • 4 cipolle piccole;
  • 2 pomodorini;
  • 100 g di sedano;
  • 40 g di olio extravergine d’oliva;
  • 2 cucchiai di salsa Tamari;
  • 2 cucchiaini di peperoncino in polvere;
  • 6/7 foglie di basilico fresco;
  • 2 foglie di alloro;
  • sale e pepe nero q.b.

Cuocete il miglio con le foglie d’alloro. Aggiustate di sale, scolatelo e mettetelo da parte, condendolo con 20 g di olio. Nel frattempo preparate anche la zuppa in un tegame a bordo alto: unite le patate a cubetti, metà fave tagliuzzate e metà intere, e tutte le altre verdure a tocchetti. Aggiungete dunque il peperoncino in polvere, la salsa Tamari, altri 20 g di olio e acqua quanto basta, cuocendo il tutto per una ventina di minuti. A fine cottura aggiustate di sale. Prendete quindi metà della zuppa e frullatela con le foglie di basilico fresco. Rimescolate questa metà alla metà restante. Servite la zuppa calda sul miglio, pepando a piacere e condendo con olio extravergine d’oliva crudo.

27 gennaio 2015
Lascia un commento