Ricetta vegetariana gustosa e ricca, la zuppa di verza con castagne è un piatto tipico della stagione autunnale che sfrutta i doni del periodo uggioso e freddo. Da assaporare con calma e lentezza, per godere appieno del calore confortante che sprigiona dalla combinazione di questi sapori ottobrini. I pochi ingredienti, facili da reperire a basso costo, rendono la pietanza adatta per una preparazione economica e veloce.

Per realizzare la gustosa ricetta vegetariane procuratevi gli ingredienti base:

  • 1 chilo di cavolo verza;
  • 200 g di castagne secche;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 4 foglie d’alloro;
  • olio EVO;
  • sale e pepe q.b.;
  • peperoncino;
  • fette di pane;

Preparazione

Ponete le castagne in ammollo per circa 12 ore, scolate quindi versatele in una pentola piena d’acqua e lasciatele cuocere per circa un’ora aggiungendo magari l’alloro. In una seconda pentola capiente verste l’olio EVO e l’aglio, lasciatelo rosolare e aggiungete la verza tagliata a tocchetti con un po’ d’acqua per ammorbidire. Aggiustate con una presa di sale e pepe quindi lasciate stufare a fuoco dolce per 20 minuti, versando altra acqua se necessario. Scolate le castagne, unitele alla verza e proseguite nella cottura per altri 20 minuti.

A piacere aggiungete una spolverata di peperoncino e poca acqua per impedire che si asciughi troppo, quindi servite la zuppa calda in ciotole piccole accompagnando il tutto con fette di pane tostato. Completate con un filo di olio a crudo, una spolverata di pepe nero e del formaggio grattugiato. Se preferite potete frullare grossolanamente il composto, quindi spezzettare il pane e tostarlo in forno o in padella creando crostini piccoli e dorati.

Per rendere la zuppa più cremosa e saporita potete far rosolare l’aglio con un po’ di cipolla rossa e un rametto di rosmarino, quindi aggiungere in pentola una patata da far saltare con la verza a tocchetti prima di versare l’acqua e stufare.

7 novembre 2013
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Alfonso, venerdì 8 novembre 2013 alle19:04 ha scritto: rispondi »

grazie per le vostre email

Lascia un commento