Lo zucchero è da sempre una degli ingredienti più amati dall’uomo: usato come semplice dolcificante per bevande o per vere e proprie ricette – si pensi a dolci e torte – non manca mai sulle tavole e nella cucina degli italiani. Negli ultimi tempi, però, si parla molto dell’eccesso nel consumo di zucchero e del rischio che ne consegue in termini di salute e mantenimento del peso forma. Oltre a seguire una dieta equilibrata che elimini gli abusi di zucchero – ad esempio evitando bevande gasate commerciali – e il ricorso a quello di canna anziché alla versione raffinata, esistono dei validi sostituti naturali?

>>Leggi della dipendenza da zucchero

Sono diversi i prodotti della natura capaci di fornire un ottimo effetto dolcificante senza però mostrare lo stesso impatto, il tutto senza dover ricorrere a sostanze commerciali o chimiche da sempre dibattute, si pensi all’aspartame. Di seguito, una comoda lista:

>>Scopri le alternative al latte

  • Stevia: la stevia è da secoli utilizzata come dolcificante, anche per la sua capacità di apparire al palato 300 volte più dolce dello stesso zucchero. Negli Stati Uniti, ad esempio, è il secondo dolcificante più usato e anche in Italia la sua diffusione sta crescendo. In assenza di calorie e di impatto glicemico, è perfetta anche per i diabetici. Ma, così come per qualsiasi integratore alimentare, è sempre meglio non esagerare;
  • Xilitolo: chiamato anche zucchero del legno, è formato da 5 atomi di carbonio, anziché i 6 classici delle altre soluzioni. Proprio per questo motivo, ha un elevato potere antibatterico e perciò non è difficile trovarlo in caramelle o gomme da masticare;
  • Zucchero di cocco: lo zucchero di cocco è derivato dall’evaporazione del succo del cocco: la poltiglia che ne rimane viene ridotta quindi in granelli. Simile in dolcezza allo zucchero integrale, ha un impatto glicemico ridotto così come poche calorie. Il sapore ricco e particolare, però, a lungo andare potrebbe annoiare anche i palati più abituati;
  • Zucchero di dattero: estratto dal frutto deidratato, ha un sapore estremamente simile allo zucchero di canna. Purtroppo, però, ha un tasso di scioglimento nei liquidi molto basso, quindi è utilizzabile solitamente in cucina e non per drinks o bevande;
  • Miele: il rimedio naturale più conosciuto al mondo, il nettare delle api ha un altissimo potere dolcificante, è ricco di vitamine e di preziosissimi antibatterici. Contiene più calorie dello zucchero, ma solitamente se ne utilizzano porzioni molto inferiori per ottenere lo stesso effetto dolcificante;
  • Sciroppo d’acero: usato soprattutto in cucina per la preparazione di dolci, lo sciroppo d’acero è un validissimo sostituto dello zucchero. Essendo in forma liquida, tuttavia, non è sempre la soluzione più comoda a cui ricorrere;
  • Succo di frutta: il succo di frutta è naturalmente dolcificato dal fruttosio e può essere ovviamente utilizzato in cucina per la preparazione di dolci, come torte o biscotti.

30 giugno 2013
Fonte:
Lascia un commento