Praticare lo yoga può aiutare le donne colpite da tumore al seno a ritrovare le energie perdute. Secondo uno studio condotto negli USA dai ricercatori della Ohio State University la tecnica di rilassamento e meditazione può ridurre in maniera drastica la possibilità di infiammazioni come diminuire i possibili effetti di recidiva.

La pratica yoga può rappresentare anche un sollievo per quanto riguarda alcune possibili problematiche legate a disturbi cardiaci. Gli effetti positivi di questo sistema di esercizi meditativi e di respirazione sono stati verificati, all’interno dello studio, per valutare l’ipotesi che potessero fornire reali benefici alle 200 donne coinvolte nella ricerca. Tutte le volontarie incluse nell’analisi sono sopravvissute a forme di tumore al seno, con differenti gradi di gravità.

Metà di loro hanno seguito un corso di yoga, lezioni due volte a settimana per 90 minuti per tre mesi, con il consiglio di esercitarsi anche a casa. Durante lo stesso periodo le altre 100 donne hanno condotto la loro normale vita di sempre. A tutte sono stati registrati i livelli di energia fisica ed effettuati test del sangue, mentre nessuna di loro aveva praticato questo tipo di esercizi prima dello studio.

Secondo quanto pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, il senso di affaticamento in coloro che avevano seguito il corso di yoga era diminuito del 57%. Non soltanto, maggiore era stato l’esercizio e migliori si erano dimostrati i risultati ottenuti in termini di miglioramento delle proprie risorse energetiche.

A questo si sommava la diminuzione dei livelli nel sangue di composti legati all’infiammazione dei tessuti. Come spiega la Dr.ssa Janet Kiecolt-Glaser, ricercatrice impegnata nello studio:

I risultati dimostrano come anche una modesta pratica di yoga per un periodo di alcuni mesi possa produrre benefici sostanziali sulle sopravvissute al tumore al seno.

30 gennaio 2014
Fonte:
Lascia un commento