Praticare lo Yoga può aiutare a ridurre gli zuccheri nel sangue contrastando il diabete. Questo è quanto sostenuto dal Dott. Venugopal Vijayakumar, della S-VYASA Yoga University, autore principale dello studio che ha analizzato i possibili effetti positivi per la salute di tale pratica orientale.

=> Scopri le differenze tra Yoga e Pilates

Lo studio sugli effetti dello Yoga sui pazienti affetti da diabete ha visto il coinvolgimento di 1292 persone, scelte tra malati di diabete di tipo 2 e pre-diabete (livelli troppo alti di zucchero nel sangue, ma non ancora tali da essere considerati diabete). Secondo quanto affermato dal Dott. Vijayakumar, la cui ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Diabetes & Metabolic Syndrome: Clinical Research & Reviews”:

Persino una singola sessione di Yoga ha condotto a una riduzione dei livelli di glucosio nel sangue. Nello studio attuale cambiamenti visibili sono stati registrati in seguito a 10 giorni di pratica continua.

Ad ogni modo raccomandiamo una pratica regolare di almeno tre mesi per ottenere un miglioramento del controllo glicemico nelle persone affette da diabete.

=> Leggi cosa sono e caratteristiche dell’Aerial Yoga e dell’Acroyoga

Nello specifico durante lo studio sono stati analizzati i livelli di glucosio nel sangue sia prima che dopo le sessioni di Yoga (ciascuna della durata di 45 minuti). In coloro che avevano praticato la disciplina orientale per almeno 10 giorni è stata registrata una riduzione del 10% della presenza di zuccheri nel flusso sanguigno. Come ha concluso Vijayakumar:

La nostra ricerca ha dimostrato che la pratica dello Yoga favorisce un più efficiente controllo dei livelli di glucosio nei soggetti affetti da diabete di tipo 2.

Si è trattato di uno studio su vasta scala in una comunità, condotto su più di mille pazienti diabetici di differenti estrazione sociale, diversa educazione, background culturale o fascia d’età. Inoltre lo Yoga è stato associato alla riduzione dei livelli dell’ormone dello stress, delle infiammazioni e dello stress ossidativo, oltre a ridurre l’insulino-resistenza.

23 maggio 2017
Fonte:
Lascia un commento