Yoga, lesioni in aumento: colpa dei social secondo uno studio

Le lesioni da Yoga sono in aumento. Gli esperti ritengono che la causa sia da individuare nelle pose particolarmente complesse mostrate dagli “influencer” dei social media. Quando coloro che seguono gli influencer tentano di imitarli, effettuando posizioni difficili, possono correre il pericolo di riportare delle ferite.

Uno studio recente ha rilevato 66 casi di lesioni da Yoga e quasi il 10% di queste situazioni è stato così grave da richiedere il ricovero in ospedale. Ecco perché il fenomeno non può essere assolutamente trascurato. La maggior parte delle lesioni da Yoga registrata ha interessato donne di età compresa tra i 20 e i 39 anni, con una tendenza a crescere nel corso del tempo.

=> Scopri 5 posizioni facili per rilassarsi con lo Yoga

Gli influencer che praticano questa disciplina sulle loro piattaforme sociali, secondo gli esperti, dovrebbero essere più consapevoli di ciò che propongono ai loro seguaci. Gli studiosi rivelano che attraverso la pratica dello Yoga si possono ottenere molti benefici, ma questi vantaggi per il benessere psicofisico possono risultare inutili se si tenta di spingere il proprio corpo oltre le sue capacità.

Il concetto fondamentale alla base dello Yoga è quello di prendere consapevolezza di quanto il proprio corpo possa spingersi in sintonia con la mente, ma esagerare può essere davvero controproducente. Per questo gli esperti raccomandano a coloro che si mostrano sulle reti sociali di stare molto attenti e di essere molto chiari con le immagini utilizzate.

=> Scopri 5 posizioni Yoga avanzate per rilassarsi

Raccomandano inoltre di non mostrare posizioni molto difficili, che le persone potrebbero non essere in grado di mettere a punto a casa autonomamente. Il dolore causato dallo Yoga può essere prevenuto da un’esecuzione attenta ed eventualmente assistita da veri professionisti, in modo da poter comunicare a questi ultimi eventuali lesioni esistenti prima della partecipazione a questa disciplina.

Inoltre molto importante sarebbe attivare una fase di riscaldamento iniziale, davvero essenziale per prevenire lesioni che possono interessare le ossa o i muscoli.

10 aprile 2018
Lascia un commento