Yoga: 20 minuti al giorno contro il declino mentale

Si scoprono sempre più benefici per la salute legati alla pratica dello yoga. Questa attività, che coinvolge la mente e il corpo, si rivela sempre più fondamentale per aiutare a mantenere il nostro benessere.

Venti minuti di yoga al giorno o in alternativa una semplice passeggiata sempre della stessa quantità di tempo, potrebbero rivelarsi ottimi contro il declino cognitivo che a volte si sperimenta in età avanzata.

Lo rivela uno studio dell’Università di Miami, che ha coinvolto più di 11 mila partecipanti. Gli esperti hanno potuto vedere che, dopo un esercizio moderato praticato su almeno 52 ore nel corso di 6 mesi, le persone rimanevano più vigili e riuscivano a svolgere in maniera più efficace e rapida le azioni che implicavano l’uso delle attività mentali.

=> Leggi perché lo Yoga una volta a settimana dimezza i rischi cardiovascolari

Sono state potenziate anche le funzioni esecutive, come le capacità individuali di gestire il tempo, di prestare attenzione e di raggiungere gli obiettivi. I volontari che invece non sono riusciti a raggiungere la quantità di esercizio fisico stabilita non hanno tratto alcun beneficio.

L’esercizio aerobico, come camminare, fare Yoga, andare in bicicletta e ballare, fornirebbe un’attività protettiva nei confronti del cervello. L’autrice dello studio, la dottoressa Joyce Gomes-Osman, ha spiegato:

Questi risultati suggeriscono come potrebbe essere necessario un programma di esercizi a lungo termine per ottenere benefici sulla capacità di pensiero. Non tutti hanno la resistenza o la motivazione per portare avanti un programma di esercizi intensi, ma tutti possono beneficiare anche di un programma regolare a bassa intensità.

=> Scopri perché lo Yoga è un aiuto naturale contro la depressione

Analizzando anche gli studi precedenti che hanno coinvolto gli anziani, gli esperti si sono accorti che non c’è uno specifico legame tra l’intensità di esercizio praticato e le abilità di memoria migliorate. Sembrano invece avere un ruolo fondamentale la regolarità e la pratica dell’esercizio aerobico. I ricercatori hanno suggerito che la pratica di esercizi per combattere il comportamento sedentario si rivela essenziale per il miglioramento delle capacità di pensiero e per combattere il declino mentale.

31 maggio 2018
I vostri commenti
Benedetta Spada, domenica 3 giugno 2018 alle11:13 ha scritto: rispondi »

Ho scritto già molte volte, il pericolo di questi articoli di “cultura fisiologica terapeutica” sullo yoga. Provate lo yogasana, provate un programma completo di yoga con un insegnante esperto, e vedete se lo yoga vi fa bene. Se vi fanno bene esercizi ristorativi calmanti, o se vi fanno bene esercizi riattivanti dei sistemi corporei. Non esiste nessun meccanicismo tra una postura e la risoluzione di problemi urgenti di salute. Solo la pratica durevole dello yoga, con consapevolezza, con insegnanti esperti, potrebbe dare benefici durevoli. Lo yoga non è una pillola!

Lascia un commento