Il caso Xylella sembra oltrepassare i confini della Regione Puglia. il 29 aprile a Bruxelles è arrivata una notifica da parte delle autorità italiane che segnalerebbe, in Liguria e precisamente in provincia di Savona, il caso di una pianta di ulivo potenzialmente infettata da Xylella fastidiosa. Lo ha confermato il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis.

La pianta, trovata positiva alla Xylella fastidiosa in seguito ai controlli del servizio fitosanitario della Regione Liguria, diventati più serrati da quando si è diffusa l’emergenza in Puglia, per il momento non mostra i sintomi della malattia.

Dovranno essere dati ulteriori chiarimenti sul caso, ma se il soggetto si dimostrasse infetto, in accordo con le misure decise dall’UE la settimana scorsa per i focolai della Puglia, dovrebbe essere abbattuto insieme a tutte le piante situate intorno, per un raggio di 100 metri. In questo caso però le piante vicine sono state sottoposte ai test effettuati per rilevare la presenza del patogeno, dando risultati negativi.

La pianta è stata portata subito nel laboratorio fitosanitario della Regione, dove è stata messa in quarantena e dove le analisi proseguiranno. Un campione è stato portato due giorni fa anche al CNR di Bari. Per adesso i primi rilievi sarebbero incoraggianti, l’Ufficio Stampa della Regione ha dichiarato che:

Le prime analisi non danno certezza che si tratti di Xylella.

L’ulivo “incriminato” si trova in un vivaio del savonese, ma il grossista l’avrebbe acquistato in Toscana. Immediata la reazione alla notizia da parte dell’Assessore all’Agricoltura della Toscana Gianni Salvadori:

In Toscana non ci sono piante contaminate dalla Xylella. Abbiamo controllato in maniera sistematica da ottobre ad aprile tutti i vivai che fanno gli ulivi e da aprile i controlli sono stati intensificati.

Insomma non sembrerebbe trattarsi di un caso rilevante, per il momento, resta da capire se si tratti di diffusione della malattia o di diffusione di “panico da emergenza”.

7 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento