Un pericolo si annida nelle borse o nelle tasche dei proprietari di cani, lo xilitolo: una sostanza presente in molti alimenti. Noto come lo zucchero del legno, possiede un potere dolcificante simile al saccarosio, è utilizzato come additivo alimentare per caramelle e gomme da masticare, perché garantisce un apporto calorico inferiore. Nonostante non agisca negativamente sulla salute dell’uomo questa sostanza può rivelarsi dannosa per il cane, addirittura tossica. A stabilirlo è stata la Food and Drug Administration (FDA), ovvero l’agenzia per la sicurezza alimentare USA, attraverso una comunicazione ufficiale.

Secondo i dati e le ricerche, la FDA avrebbe ufficializzato un timore preponderante, frutto di frequenti segnalazioni legate all’ingestione casuale di prodotti contenenti xilitolo e, in particolare, gomme da masticare. Un’assunzione che favorisce effetti tossici sul metabolismo del quadrupede, agendo direttamente sul pancreas e aumentando le dosi di insulina prodotte dallo stesso. Il rilascio veloce e massiccio di insulina causa un picco negativo per quanto riguarda i livelli di zucchero nel sangue, favorendo così l’ipoglicemia anche in tempi piuttosto rapidi. Secondo le testimonianze, anche in una sola ora i livelli di glucosio possono crollare rapidamente, creando una condizione di allarme per la salute del cane.

L’assunzione di prodotti contenenti questa sostanza è spesso casuale e non sempre prevedibile, specialmente se avviene all’aperto durante una passeggiata o un giro nel parco. Per questo la FDA ha stilato una serie di sintomi da non trascurare, così da agire tempestivamente per prevenire il peggio. Lo xilitolo può causare vomito, abbassamento della glicemia, debolezza, spossatezza, reattività minima e attività ridotta. Il cane potrebbe barcollare e risultare instabile, senza coordinazione, fino a collassare con le convulsioni. Secondo i veterinari è importante condurre l’animale presso il centro più vicino entro le 12 massimo 24 ore, così da poter intervenire in modo tempestivo. Per evitare conseguenze, è bene non fornire a Fido prodotti per lui dannosi o pericolosi, in particolare cibi o alimenti per consumo umano che possono contenere additivi tossici.

24 maggio 2016
Fonte:
Lascia un commento