L’attenzione verso l’ambiente e il rispetto della natura passano anche dalla scelta del vestiario. Sebbene i trend moderni impongano cambi repentini di look e armadio, estendere la vita dei propri abiti è il modo migliore per ridurre il proprio impatto ambientale. Basta prendersene cura, infatti, rendendoli così più duraturi nel tempo, ma anche lanciarsi in piccole riparazioni alla portata di tutti. Una semplice attenzione che può ridurre notevolmente l’emissione di gas in atmosfera, come l’anidride carbonica, così come l’accumulo di scarti e di rifiuti, nonché il consumo di grandi quantità d’acqua potabile dovuto ai processi produttivi industriali. Per questo motivo, Patagonia ha organizzato il suo Worn Wear Tour europeo, per stimolare l’abbigliamento sostenibile.

L’iniziativa toccherà cinque paesi europei, con oltre 50 tappe: un obiettivo “on the road” che servirà per stimolare i consumatori a una maggiore consapevolezza ambientale, convincendoli a non gettare i propri abiti in caso di piccoli strappi o cuciture da sistemare. Grazie ai truck Worn Wear, dei laboratori sartoriali mobili equipaggiati con macchine da cucire industriali, si potrà ricevere gratuitamente la riparazione del proprio capo preferito: cerniere, alette delle zip, bottoni, strappi, lacerazioni e molto altro ancora. Oggi e domani, dalle ore 10 alle 19, gli esperti di riparazioni di Patagonia saranno a disposizione del pubblico in quel di Roma, presso il centro omonimo di via Salaria 179A-179B. Così ha spiegato Rose Marcario, CEO della società, in occasione di questo importante appuntamento per il riuso e il riciclo:

Creare un prodotto in grado di durare nel tempo e che possa essere riparato è il primo e più importante passo verso una concreta limitazione della nostra impronta ambientale. Vogliamo che i nostri clienti non siano semplici consumatori, ma che si prendano cura in modo consapevole di ciò che acquistano. È un messaggio semplice ma di importanza cruciale: usate e tenete in circolazione quello che indossate il più a lungo possibile per concedere al nostro pianeta un attimo di respiro.

In attesa di scoprire il riscontro nella città di Roma, per un appuntamento che promette di attirare moltissimi consumatori, serve davvero poco per rendere la propria voglia di vestiti perfettamente compatibile con le esigenze dell’ambiente. Ad esempio, prolungare la vita di un capo di altri 9 mesi permette di ridurre del 20-30% la propria impronta in termini di impatto ambientale.

14 maggio 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento