Una tenera e timida cagnolina di nome Toffee, di razza Labrador, sarebbe stata smarrita pochi giorni fa presso la stazione ferroviaria di Oxford. La piccola è il cane guida di Ian Francis cardiopatico e non vedente. I due insieme formano un binomio importante e indissolubile perché l’animale è stato addestrato appositamente a svolgere due ruoli indispensabili, sia come cane guida che per anticipare le crisi legate alla cardiopatia. L’inspiegabile smarrimento dell’animale ha colpito la rete che, attraverso i vari social network, si è mossa compatta per velocizzare il passaparola. Lo stesso DogLost si è attivato per rintracciare la piccola quadrupede.

Forse la cagnolina, piuttosto timida e timorosa, deve essersi spaventata a causa di qualche rumore improvviso o per la troppa folla in stazione. C’è chi sostiene sia sopra una carrozza del treno oppure sia ancora nei paraggi dello stesso luogo della fuga, magari nascosta all’occhio umano, in qualche spazio isolato e tranquillo. Il proprietario invece crede che Toffee non sia salita autonomamente sul convoglio, piuttosto sia nascosta nei paraggi nella zona di Botley, sempre vicino Oxford. La presenza della cagnolina è per lui di fondamentale importanza, grazie alla sua compagnia e al suo aiuto Ian è riuscito a scrollarsi di dosso la depressione che l’aveva colpito.

Con Toffee l’uomo aveva ripreso a uscire e a godersi le passeggiate, infatti la possibilità di fidarsi di qualcuno è importante. Come sostiene anche Ian, il legame che si è creato è indistruttibile e basilare, per questo il grande passaparola della rete ha colpito profondamente l’uomo. Il proprietario è certo che il cane guida non sia molto distante dal luogo della fuga, ma che sia probabilmente rintanato da qualche parte intimorito da rumori e caos. Ritrovare l’animale è per l’uomo molto importante, così da ristabilire la sua autonomia sia fuori che dentro casa. Ma anche dal punto affettivo, visto il grande legame emotivo ed empatico che si è creato tra i due in questi anni di convivenza fianco a fianco.

4 giugno 2015
Fonte:
Lascia un commento