Una toilette a energia solare per creare concimi verdi

Un progetto tecnologico per salvare 2,5 miliardi di persone, prive di risorse primarie igieniche, così come di servizi sanitari. Si tratta di un WC a energia solare, un potente concentrato di tecnologia amica sviluppato dall’Università del Colorado, grazie a ben 777.000 dollari stanziati dalla Gates Foundation. Perché un gabinetto è così importante per la salvezza del Pianeta e per quale motivo è necessaria l’energia solare?

La toilet in questione è totalmente priva di acqua, ma ha la capacità di trasformare gli scarti umani in biochar, un particolare carbone utile sia per creare concimi verdi che per assorbire anidride carbonica. I pannelli solari utilizzati sono di tipo termico: le elevate temperature, infatti, non solo portano alla sterilizzazione delle feci, ma contribuiscono ad accelerare la trasformazione dei rifiuti in materiale organico indispensabile.

Il progetto fa parte dei 16 team che hanno partecipato a “Reinvent The Toilet Challenge”, un’iniziativa voluta dalla Gates Foundation per rendere servizi e sanitari più ecologici e, fatto non da poco, disponibili anche dove le risorse idriche scarseggiano. Questo WC, in particolare, può essere installato pressoché ovunque senza la necessità di tubi di scarico – come già ricordato, funziona in assenza di acqua – e può aiutare a ridurre le infezioni e l’inquinamento in quelle zone del mondo totalmente prive di strutture igieniche. Nei paesi dove i servizi di smaltimento delle feci sono inesistenti o inadeguati, infatti, i rifiuti biologici finiscono spesso in contatto con l’acqua potabile e la contaminazione da batteri fecali causa la morte di circa 700.000 bambini del terzo mondo all’anno.

Lo strumento, chiamato CU-Boulder, è composto da 8 specchi parabolici che concentrano la luce del sole su un’area piccolissima, poco più grande di un francobollo. A un vetro in quarzo sono connesse numerose fibre ottiche, l’energia generata permette di aumentare la temperatura a 600 gradi Fahrenheit per sterilizzare le feci, eliminare ogni forma di patogeno da rifiuti solidi e liquidi e produrre concimi verdi. Così spiega Karl Linden, professore universitario e ingegnere ambientale:

Stiamo facendo qualcosa mai fatta prima. Sebbene l’idea di concentrare l’energia solare non sia nuova, trasmetterla flessibilmente in un luogo personalizzato tramite fibre ottiche è davvero l’aspetto unico di questo progetto.

Il WC ultra-tecnologico verrà ora sperimentato in India, nelle zone a basso approvvigionamento di acqua potabile e a scarsa disponibilità di servizi igienici.

14 marzo 2014
Fonte:
Lascia un commento