Con wasabi si intende il nome comune dell’Estrema japonicum, o Wasabia japonica, un ravanello originario del Giappone. Si tratta di una pianta che appartiene alla famiglia delle Brassicacee, esattamente come il ravanello nostrano. La specie giapponese è tipica delle zone fredde del Paese.

Dal punto di vista gastronomico, la porzione interessante è il rizoma, dal quale viene ricavata una pasta verde nota per il suo profumo intenso e il gusto particolarmente piccante. La pasta viene impiegata per accompagnare i piatti tipici della cucina giapponese e il pesce crudo. Si può utilizzare tal quale oppure aggiungendone la punta di un cucchiaino a una coppetta di salsa di soia. Molto raro l’impiego del rizoma essiccato anche se la polvere, meno piccante della pasta, può essere utile per la realizzazione di snack dolci o salati.

=> Scopri la salsa di soia


Vediamo come si prepara la salsa wasabi, quali sono le sue proprietà e una ricetta in cui servirla come accompagnamento.

Wasabi: ricetta per la salsa

Il rizoma della Wasabia japonica viene raccolto, pulito e grattugiato. Per realizzare un preparato dalla grana molto fine, viene impiegato l’oroshigane, una grattugia la cui superficie abrasiva è fatta di pelle di squalo, piuttosto simile al tatto alla carta vetrata. Alla versione tradizionale si sono affiancati strumenti in plastica o metallo, più comuni e diffusi tra i non professionisti e nel mondo occidentale. La pasta che si ottiene viene conservata in vasetti a chiusura ermetica.

Wasabi: proprietà benefiche

Secondo la medicina orientale, il wasabi è una ingrediente efficace come antibatterico e utile per la prevenzione e la risoluzione delle infezioni intestinali. A queste qualità si aggiungono quelle come digestivo.

=> Scopri a cosa serve la vitamina C


Fresco e appena grattugiato, è una buona fonte di vitamina C e antiossidanti, mentre la conservazione riduce il contenuto di questi micronutrienti.

Spiedini di verdura e tofu al wasabi

Ecco una ricetta di semplice realizzazione da insaporire con il wasabi.

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di tofu tagliato a cubetti;
  • 200 g di pomodorini;
  • 200 g di zucchine tagliate a rondelle;
  • 4 cucchiai di salsa di soia;
  • 1 cucchiaino di wasabi;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Disponete tutti gli ingredienti tagliati su un vassoio e cominciate a infilarli, con ordine, negli spiedini di legno o metallo. Condite gli spiedini ottenuti con l’olio extravergine di oliva e cuocete sulla piastra calda per circa 10 minuti girandoli spesso. Mescolate il wasabi con la salsa di soia e impiegate il composto per condire gli spiedini prima di servirli.

=> Scopri le ricette con il tofu


Gli spiedini di tofu e verdure sono una fonte principalmente di proteine, in pratica un secondo piatto, secondo il nostro schema alimentare. Accompagnate, dunque, questa ricetta con un ricco contorno di verdure fresche di stagione e una porzione di focaccia, per servire un menu completo secondo il modello della dieta mediterranea. La ricetta è adatta anche a chi segue una dieta vegana.

La salsa di soia è una preparazione piuttosto sapida, pertanto è preferibile condire il contorno di verdure solo con aceto balsamico e erbe aromatiche. Il sale, pur essendo un punto di riferimento in cucina, rimane da usare con parsimonia per il benessere del sistema cardiovascolare.

31 agosto 2017
Lascia un commento