Volpe incastrata tra le tombe al cimitero

La curiosità ha giocato un brutto scherzo a un’intraprendente volpe britannica, rimasta incastrata fra le tombe di un cimitero. Forse all’inseguimento di una preda, o attratta da qualche odore particolarmente gradevole, la piccola ha infilato il capo fra due lapidi molto vicine, non riuscendo più a liberarsi. Fortunatamente sul posto sono giunti gli esperti della RSPCA, i quali hanno provveduto al suo salvataggio.

Il tutto è accaduto presso il cimitero della chiesta si Saint Mary Magdalene, a Leamington Spa, una città termale inglese. Custodi e avventori del cimitero hanno infatti notato una povera volpe incastrata fra due tombe, intenta a farsi forza con le zampe sulle lapidi, per trovare un’improbabile via di fuga. I presenti hanno quindi allertato gli agenti della RSPCA, affinché intervenissero per un pronto intervento di liberazione.

=> Scopri la volpe nascosta sotto al divano


Sul posto è giunta l’ispettrice Georgia McCormick, così come ha confermato l’agenzia di stampa UPI, la quale ha provveduto a liberare la volpe facendole scorrere il capo verso l’alto. Fortunatamente, una volta liberato, l’animale non ha mostrato nessuna ferita ed è stato quindi nuovamente rimesso in natura. Così ha spiegato l’esperta:

Non sono sicura su come sia riuscita a rimanere incastrata, quanto si rimasta bloccata, ma si trattava di una fessura molto piccola. La chiamata è arrivata alle 11 di mattina e, siccome le volpi sono animali notturni, posso solo immaginare sia rimasta lì dalla notte precedente. Sono riuscita a liberarla delicatamente e a controllarla: fortunatamente non aveva ferite, quindi è stat rilasciata in natura. Temo nell’immaginare cosa potrebbe essere accaduto se non ci avessero chiamati.

=> Scopri la volpe caduta nella fognatura


Come già riportato, l’animale è stato trovato in buone condizioni di salute e immediatamente liberato. La zona sembra veda una presenza molto nutrita di volpi, non è quindi insolito si avvicinino ad aree abitate o strutture umane.

4 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento