Accompagnata da una linea decisamente fuori dagli schemi e da promesse di eccezionale efficienza, la nuova Volkswagen XL1 ha fatto il suo debutto in pubblico nei giorni scorsi a Chattanooga, nello Stato americano del Tennessee, in occasione di una conferenza riservata ai giornalisti che si occupano di tematiche ambientali.

Il luogo scelto per mostrare la nuova vettura non è stato deciso a caso da Volkswagen e ha una doppia valenza, perché, se da un lato il costruttore tedesco ha giocato in casa, dato che proprio nel Tennessee è attivo un impianto da cui escono diversi modelli destinati al mercato nord americano, dall’altro non va dimenticato che gli USA rappresentano uno dei mercati più ricettivi e potenzialmente più redditizi per i modelli ibridi o elettrici.

Fin dalle prime informazioni circolate, la Volkswagen XL1 è stata indicata come una vettura capace di fare ben 100 chilometri con un litro di carburante, cioè una percorrenza che, se sarà confermata nella versione definitiva (al momento la vettura è solo una concept), farà del modello una delle proposte più economiche ed efficienti tra quelle realizzate finora.

La presenza del doppio sistema di propulsione non esclude la possibilità di viaggiare in maniera totalmente elettrica, con Volkswagen che parla di una percorrenza massima di 50 chilometri in tale modalità.

La linea è stata studiata con l’obiettivo di ottimizzare al massimo il rendimento aerodinamico e diminuire drasticamente la resistenza dell’aria rispetto ai modelli di forma più convenzionale, come si capisce dalla scelta di carenare le ruote posteriori, che risultano così visivamente inglobate nella carrozzeria.

Il risultato è l’ottenimento di un Cx (coefficiente di resistenza aerodinamica) di 0,19 mentre l’impiego di carbonio e magnesio per la realizzazione dei pannelli della carrozzeria, uniti ad altri materiali leggeri come l’alluminio, ha consentito di contenere il peso complessivo in 800 chilogrammi.

Dopo il debutto presso un pubblico selezionato, la Volkswagen XL1 continuerà il suo programma di sviluppo e affinamento in vista dell’arrivo su strada, anche se la sua produzione sarà limitata ad appena 250 esemplari il cui costo, peraltro, non è ancora stato definito.

8 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento