La Volkswagen Eco Up! a metano è stata la protagonista di un evento tenuto a Monaco dal costruttore tedesco con lo scopo di presentare i vantaggi, sia economici che in chiave ecologica, offerti dalla citycar compatta alimentata a gas naturale che in questi giorni debutta con le prenotazioni anche sul mercato italiano, mentre le consegne avverranno a gennaio 2013.

La Volkswagen Eco Up! si presenta come “l’auto a metano più parca nei consumi”, con dati ufficiali che parlano di 2,9 kg di gas necessari per percorrere 100 chilometri: una cifra che, tradotta in denaro, equivale a una spesa di circa 3 euro. A livello di emissioni di CO2 la vettura si attesta sui 79 g/km, secondo quanto dichiarato da Volkswagen, con un’autonomia complessiva di 600 chilometri ottenuta sfruttando sia la riserva di benzina che quella di gas, mentre con i soli due serbatoi di metano si percorrono fino a 380 chilometri.

>> Leggi le caratteristiche della Volkswagen Up a metano

Offerta in versione a tre e a cinque porte, la Volkswagen Up! bi-fuel è dotata del motore 1.0 a tre cilindri da 68 cavalli capace di funzionare anche a benzina. Si tratta di un’unità che si avvale delle soluzioni BlueMotion Technology come il sistema di recupero dell’energia e il sistema Start&Stop, allo scopo di assicurare percorrenze più che dignitose e prestazioni in linea con la tipologia del modello.

La gamma per l’Italia prevede un’offerta composta da tre allestimenti: take up!, move up! e high up!, con una dotazione che fin dalla versione base comprende di serie ESP, ABS con ASR, airbag per conducente e passeggero, airbag laterali anteriori testa e torace, alzacristalli elettrici anteriori, servosterzo elettromeccanico, impianto radio “RCD 215″ con lettura di MP3, lettore CD e presa Aux-In, paraurti in tinta con la carrozzeria, cerchi in acciaio da 14 pollici e volante regolabile in altezza.

>> Guarda le immagini della Volkswagen Up

La configurazione dell’impianto a metano prevede due serbatoi separati, di cui uno, grande 35 litri, sistemato davanti l’assale posteriore accanto al serbatoio della benzina (con capacità di 10 litri), mentre l’altro, capiente 37 litri, è stato posizionato dai tecnici Volkswagen nel bagagliaio, al posto della ruota di scorta.

Particolare molto interessante della Volkswagen Up! a ridotte emissioni è quella di poter funzionare anche a biometano, un combustibile prodotto da materiali vegetali di scarto che ha il doppio vantaggio di non incidere sulla produzione di generi alimentari, come avviene invece per altri biocarburanti, e di garantire un impatto ambientale nullo, dato che durante la combustione il biometano rilascia la stessa quantità di biossido di carbonio assorbito in precedenza durante la crescita delle piante.

La casa di Wolfsburg ha parlato di nuovi procedimenti per ottenere il biometano, tra cui un metodo che consente di ricavarlo dalla paglia. In questo caso uno studio di un centro di ricerca tedesco ha calcolato che ogni anno rimangono inutilizzate nella sola Germania, fino a 13 milioni di tonnellate di paglia, cioè una quantità tale da poter alimentare circa quattro milioni di veicoli a biometano ogni anno. Vista l’alta potenzialità di questo carburante ecologico non sorprende che in Germania sia sia lavorato al primo impianto di produzione di questo genere, già messo in funzione a febbraio 2012.

7 dicembre 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Tino, venerdì 13 dicembre 2013 alle17:49 ha scritto: rispondi »

interessanti ma purtroppo di auto a metano con cambio automatico sono poche e di cilindrata medio alta grazie

Lascia un commento