L’impegno di Volkswagen verso un’automobile più ecocompatibile ed efficiente si dividerà su più fronti e non si rivolgerà solamente al miglioramento dei propulsori in uso sui modelli della gamma. La casa tedesca, che proprio di recente ha annunciato la volontà di abbattere le emissioni dei suoi veicoli entro il 2020, ha fatto segnare oggi un altro punto a suo favore nell’ottica di un maggior rispetto ambientale, cercando di apportare dei miglioramenti anche alla componentistica delle vetture.

Dalla Germania giunge infatti notizia che Volkswagen adotterà la CO2 come refrigerante per i futuri sistemi di condizionamento dell’aria che saranno installati a bordo dei propri modelli. La novità consiste nell’usare l’anidride carbonica, nota anche come R744, al posto del gas refrigerante impiegato attualmente sulle autovetture dotate di condizionatore e che, purtroppo, ha un impatto ambientale non trascurabile.

Secondo la casa tedesca, la CO2 nei climatizzatori per auto è in grado di garantire un minore effetto serra, tanto da presentare un valore di GWP (Global Warning Potential) pari a 1, cioè un valore inferiore del 99,3% rispetto al limite di 150 GWP imposto ai costruttori dall’Unione Europea.

Queste caratteristiche fanno dell’anidride carbonica un elemento particolarmente interessante per l’impiego nell’ambito dei condizionatori e, quindi, il suo impiego diffuso su tutta la futura gamma Volkswagen potrebbe aiutare a diminuire l’impatto ambientale dei veicoli che il gruppo lancerà prossimamente sia con il proprio marchio che con i marchi di sua proprietà.

12 marzo 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento