Volkswagen punta sulla tecnologia ibrida e su un’immagine sportiva per le future Suv – crossover. In queste ore il marchio di Wolfsburg rilascia le caratteristiche peculiari della inedita Tiguan GTE Active Concept, prototipo che sarà presentato all’imminente Salone di Detroit 2016.

Si tratta per Volkswagen di un appuntamento della massima importanza, come ha del resto puntualizzato il nuovo amministratore delegato di Wolfsburg, Matthias Muller, durante un incontro con la stampa che in queste ore si è svolto alla vigilia del NAIAS 2016: gli USA vengono tenuti in grande considerazione da VW, che all’indomani del “Dieselgate” punta sulla mobilità eco friendly quale parte fondamentale delle nuove strategie industriali.

Dal punto di vista concettuale il prototipo ibrido Volkswagen Tiguan GTE Active Concept deriva dalla Tiguan GTE Plug – In Hybrid, che era stata presentata lo scorso settembre al Salone di Francoforte e per la quale è stata programmata nel frattempo la messa in produzione. “Base” di partenza è la piattaforma modulare Mqb (Modularer Querbaukasten) che va a costituire il pianale per gran parte della nuova gamma di modelli del Gruppo Vag – Volkswagen Audi.

L’immagine esterna della nuova Volkswagen Tiguan GTE Active Concept rivela una chiara connotazione “offroad”: specifiche protezioni e “minigonne” sottoscocca e sottoporta, altezza minima da terra di 225 mm, paraurti e sbalzi sviluppati per garantire elevati angoli di attacco e uscita, cerchi in lega da 16” con pneumatici da 245/70 – 16.

All’interno la tecnologia di Volkswagen Tiguan GTE Active Concept si concretizza nella presenza di un nuovo infotainment accessibile attraverso un display da 9.2”, che dispone dei comandi gestuali (una tecnologia vista al recentissimo CES di Las Vegas come equipaggiamento a bordo di e-Golf Touch, novità presentata insieme alla concept elettrica Budd-e) e si integra con la strumentazione digitale “Active Info Display” e con l’ormai sempre più presente Head – up display.

Tuttavia è “sotto il cofano” che Volkswagen Tiguan GTE Active Concept svela il proprio carattere eco-friendly. La propulsione del prototipo che verrà esposto al NAIAS 2016 è ibrida: si avvale di un modulo che abbina la collaudata unità 1.4 TSI turbocompresso a benzina con due motori elettrici (a loro volta alimentati da batterie al litio da 12,4 kWh), uno chiamato a fornire trazione all’avantreno insieme al 1.4 a combustione interna; l’altro collegato al retrotreno.

In questo modo Volkswagen Tiguan GTE Active Concept mantiene la trazione integrale, con l’evidente risparmio di peso e di componenti derivante dall’assenza dell’albero di trasmissione e del differenziale centrale (la trazione può essere controllata dal conducente mediante uno specifico comando a manopola “4Motion Active Control” che trova posto sulla consolle centrale). Il cambio è automatico doppia frizione a sei rapporti. La potenza complessiva del modulo ibrido di Volkswagen Tiguan GTE Active Concept è di 218 CV.

Riguardo all’autonomia, per Tiguan GTE Active Concept Volkswagen dichiara una percorrenza massima di circa 930 km complessivi (modalità benzina – elettrico), mentre con la trazione completamente elettrica è possibile contare su un’autonomia fino a 32 km.

12 gennaio 2016
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento