Aveva colpito per l’efferatezza del gesto e per l’esito di presunta morte, il video del piccolo cane, lanciato da un giovane ragazzo indiano dall’altezza considerevole di un terrazzo. La ripresa a rallentatore e la caduta dell’animale nella boscaglia sottostante avevano fatto pensare a un esito terribile, confermato dalle grida strazianti di dolore dello stesso. Ma, a dispetto delle previsioni, il cucciolo è riuscito a sopravvivere, riportando una frattura alla zampa posteriore e una lesione alla schiena.

Shravan Krishnan, attivista sostenitore dei diritti degli animali e fondatore di Hotel Bau, si era interessato al caso. La viralità del video del lancio aveva permesso l’individuazione del luogo del misfatto e, con grande sorpresa, Shravana aveva intercettato sia il posto dell’impatto che l’animale stesso. Ribattezzato Bhadra, che significa “benedetto” in Hindi, al momento del ritrovamento l’animale era ancora vivo anche se terrorizzato e ricoperto di urina. Nonostante la vicenda angosciante, il cane, una femmina molto giovane, non aveva smesso di scodinzolare affidandosi alle cure di Krishnan. Dopo averla recuperata, e aver confermato via Facebook della sua sopravvivenza, il giovane l’ha affidata alle cure del Madras Veterinary College.

In suo onore è stato lanciato l’hashtag #BhadraTheWarrior e che segue, passo dopo passo, il suo percorso di ripresa. Bhadra sta risalendo la china, la guarigione è prevista in massimo sei settimane mentre i due responsabili sono stati arrestati. Quindi rilasciati subito su cauzione, scatenando l’ira degli attivisti e degli animalisti, i quali hanno invocato pene più severe e decisive. Bhadra intanto sta trascorrendo un periodo sereno fatto di amore e cure, utili al suo percorso di guarigione. La sua diffidenza e la sua forte paura spesso entrano in contrasto con la sua voglia di giocare, di scodinzolare al prossimo e di farsi amare. Nonostante il crudele lancio dal balcone, la piccola ora si gode attenzioni e cure meritate, in attesa di dimenticare la crudele vicenda.

8 luglio 2016
Fonte:
Lascia un commento