La vitamina C può aiutare a contrastare la leucemia. A sostenerlo uno studio condotto dall’Università di Siena, che individua nella salutare sostanza un aiuto naturale nella lotta a questa malattia.

Vitamina C utile, secondo lo studio condotto dai ricercatori senesi e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Cancer Therapy, contro la leucemia promielocitica acuta. Come spiega il professor Giovanni Grasso del Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze dell’Università di Siena:

Sebbene questa leucemia sia, oggi, efficacemente trattata con l’arsenico triossido, sostanza non priva di tossicità, la ricerca dimostra che la vitamina C ad alte dosi è significativamente più efficace dell’arsenico triossido nel distruggere le cellule tumorali in vitro.

Questa indagine preliminare di laboratorio pone le basi per gli ulteriori e necessari approfondimenti, al fine di poter verificare la reale efficacia della vitamina C ad alte dosi sui pazienti affetti da questa leucemia.

Un’efficacia che si spingerebbe anche oltre, conclude Grasso, coinvolgendo anche le cellule di retinoblastoma:

Abbiamo la dimostrazione inequivocabile che l’acido ascorbico è in grado di distruggere, a dosi elevate, le cellule di retinoblastoma.

Vitamina C presente in buona quantità nei cibi del mangiare sano come kiwi ancor più che nelle più conosciute arance. Anche la verdura ne è un ottimo contenitore, in particolare per quanto riguarda le “crocifere”. Tra le fonti principali broccoli e cavoli, ma anche verza e spinaci.

8 novembre 2013
Fonte:
Lascia un commento